Come cambia la geografia degli ospedali

Come cambia la geografia degli ospedali

Share

JB | VIDEO | Sorgerà al Lingotto il nuovo Parco della Salute, fulcro della riorganizzazione ospedaliera che la Regione Piemonte ha avviato ormai nel 2002. La scelta è caduta su un’area di 160mila metri quadri, terreni della ex Fiat Avio e delle Ferrovie dello Stato. Sarà un polo innovativo dove troveranno collocazione 1.100 posti letto, residenze universitarie, bioincubatori e laboratori di ricerca. Non più ospedale ma città: una rivoluzione che cambia, insieme al concetto di assistenza sanitaria, anche l’assetto urbanistico.

Della nuova geografia degli ospedali torinesi si è occupato l’Ordine degli Architetti di Torino, dedicandogli il quarto appuntamento del ciclo di incontri Occasioni Urbane. A introdurre i lavori Luca Gibello, direttore de Il Giornale dell’Architettura. Suo il contributo di apertura, un vero e proprio viaggio nella evoluzione delle strutture ospedaliere e della loro collocazione urbana. Dal San Giovanni Battista alle Molinette, passando per Sant’Anna e Amedeo di Savoia tutta la storia degli ospedali di Torino fino alla nuova gestione del rapporto con il malato e la sua famiglia.

Guarda il video dell’Ordine degli Architetti

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *