Non uccidere: Tappeto rosso per la fiction targata Rai

Non uccidere: Tappeto rosso per la fiction targata Rai

Share

di Cristina Colet – Grande successo di pubblico ieri sera al Cinema Massimo per la presentazione della seconda serie “Non Uccidere” targata Rai. La serata è stata introdotta da un dibattito moderato dalla Vice-Presidente di FCTP, Antonella Frontani. Tra i presenti, il direttore di Rai Tre, Andrea Vianello, il direttore Rai Torino, Pietro Grignani, il regista Claudio Corbucci, autore e produttore creativo della serie, e l’attrice protagonista, Miriam Leone, per la quale i fotografi si sono scatenati.

La serie è stata realizzata a Torino con il sostegno di FCTP, comprodotta da Rai Fiction e Fremantle, che in un arco temporale di 6 settimane di allestimento e prove, 19 settimane di riprese e 30 settimane di postproduzione e edizione hanno portato a compimento le 12 puntate trasmesse sui Rai Tre in prima serata.

Lo scorso autunno sono andate in onda le prime sei puntate, mentre da sta sera con un palinsesto rivisitato per l’occasione (strategicamente proposto dopo il programma di Fazio), andrà in onda la seconda parte (che viene proposta come seconda serie). “Non Uccidere” ha ottenuto un alto consenso da parte della critica, tanto che sulla rivista Rolling Stones è rientrata nella lista delle dieci serie mondiali più “rock”. I toni di grigio che caratterizzano la serie, che ricorda molto le atmosfere di molta serialità del nord Europa, in una Torino nebbiosa e avvolta in una fitta coltre di omicidi hanno fatto centro e conquistato anche il pubblico.

“Su Rai Tre – ha spiegato il direttore, Andrea Vianello – mancava da anni una fiction e abbiamo pensato che fosse necessario aggiornare i modi della narrazione per restare al passo con i tempi”. Si prospetta, dunque, un proseguimento e l’avvio di nuove riprese che potrebbero impiegare molte delle maestranze torinesi che in questi ultimi anni con la chiusura di soap opera come Centovetrine, avevano inevitabilmente risentito della crisi.

Il prodotto è sicuramente valido e segna un punto di svolta nella serialità targata Rai, abituata a proporre storie di carattere famigliare condite di buoni sentimenti e lieto fine, i nome i di spicco come quello di Monica Guerritore, hanno certamente aiutato a lanciare le prime puntate. Miriam Leone, che recentemente ha partecipato anche alla serie di Sky, 1992, e che qui interpreta la giovane ispettrice, ha molta strada davanti e la stoffa per poter diventare una brava attrice. Appuntamento, dunque, a sta sera su Rai Tre ore 21,45.

Inserito da:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *