Una biblioteca in ospedale

Una biblioteca in ospedale

Share

Giorgio Diaferia | Permettere ai ricoverati in un ospedale di poter leggere libri, e-book, periodici e giornali. Un’idea già portata avanti, ad esempio, dalla Regione Toscana grazie alla collaborazione tra Comuni, biblioteche pubbliche, nosocomi e volontari.

Spesso i degenti non sanno come trascorrere il loro tempo di ricovero, a parte i momenti dedicati ai pasti o agli accertamenti e visite mediche. Avere un libro sul posto, con molte possibilità di scelta tra titoli e autori e poter consultare periodici oltre che stimolare alla lettura è un ottimo e sano passatempo, anche per la nostra mente.

Certo oggi i ricoveri sono sempre più rapidi e poi si sta parlando di pazienti in grado di poter leggere. Il servizio, con l’aiuto dei volontari può essere svolto anche al letto del ricoverato. Ci piace ricordare, tra le altre iniziative, anche quella del club Medici “Punto Biblio” che sostiene una biblioteca pubblica nel Policlinico Tor Vergata di Roma.

biblio2

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *