Il futuro di Torino passa da Barriera

Il futuro di Torino passa da Barriera

Share

Federico Cuomo | VIDEO | Carlotta Salerno, presidente della Circoscrizione 6, che include i quartieri Barriera di Milano, Barca-Bertolla, Regio Parco, Falchera e Villaretto, ha tracciato ai microfoni di EcoGraffi il bilancio dei primi mesi di amministrazione. La zona nord di Torino è tra le più vaste e popolose della città e si caratterizza per l’alto numero di giovani. Qui il tasso di stranieri è il più elevato dell’intera area metropolitana, motivi per i quali l’amministrazione sta focalizzando risorse e energie in programmi di formazione e integrazione. «L’area -ha detto la presidente Salerno- può rappresentare il futuro volano per lo sviluppo della città metropolitana».

presidenteLa Circoscrizione sarà presto oggetto di cambiamenti sotto il profilo urbanistico: dallo scalo Vanchiglia alla Linea 2 della metropolitana, passando per l’implementazione della Variante 200. Investimenti che cambieranno volto all’intera area nord di Torino. «Il buon lavoro svolto fino a questo momento -ha detto ancora Salerno- è stato frutto di politiche pubbliche concordate da Circoscrizione e Comune, il diverso colore politico della giunta non ha mai influito sull’operato». Un segnale da non sottovalutare, che indica come Torino conservi la sua atipicità a livello politico-amministrativo, riuscendo a mettere d’accordo PD e Movimento 5 Stelle.

Guarda l’intervista a Carlotta Salerno

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *