Lo sport tra lo smog cittadino

Lo sport tra lo smog cittadino

Share

Mattia Rodà Savoini | In molte città italiane fare sport all’aperto non è affatto semplice. Le condizioni pessime dell’aria rendono difficile la respirazione, provocando danni al corpo e al cervello: più l’esercizio fisico è intenso maggiore è la quantità d’aria che ha bisogno di inalare il corpo e più alto è il rischio di esporlo a tossine. A lungo termine, aumenta il rischio di malattie cardiache e polmonari.Le grandi aree verdi dei parchi o i percorsi pedonali lungo i fiumi sono sicuramente la soluzione migliore per una passeggiata o una corsa in tranquillità ma non esiste, ovviamente, una barriera che blocchi l’aria inquinata proveniente dalle strade trafficate del centro.Doveroso è certamente fare attività fisica tutti i giorni, nei parchi, se possibile, e al mattino, quando la qualità smog-in-citta-2dell’aria è migliore.

Il consiglio è di evitare di correre vicino alle strade principali e dove le auto sono spesso ferme in coda. È importante controllare l’indice della qualità dell’aria prima di uscire di casa per allenarsi, nel caso in cui la situazione è critica, cioè se l’indice supera il valore 100, è consigliabile allontanarsi il più possibile dal traffico cittadino e dirigersi verso i parchi della periferia in cui l’aria è meno irrespirabile. Altrimenti, se non si ha il tempo o la possibilità di spostarsi, sarebbe utile eseguire l’attività fisica attraverso delle mascherine antismog.L’inquinamento cittadino non deve essere un impedimento per mantenere in forma e in salute il nostro corpo e la nostra mente, è quindi indispensabile saper gestire il rischio con attenzione e consapevolezza prendendo le giuste precauzioni.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *