Breaking News
14 febbraio 2018 - Pamela:convalida arresti Lucky e Awelina
14 febbraio 2018 - Dell'Utri in ospedale per controlli
14 febbraio 2018 - Hungary submits anti-immigration 'Stop Soros' bill to parliament
14 febbraio 2018 - Juncker, decidere presto su bilancio Ue
14 febbraio 2018 - Berlusconi, Sicilia in agonia, sì Ponte
14 febbraio 2018 - South Korea union says GM plant closure is 'death sentence', threatens strike
14 febbraio 2018 - Berlusconi, tassa successione è immorale
14 febbraio 2018 - Exclusive: Dozens of refugee resettlement offices to close as Trump downsizes program
14 febbraio 2018 - Studente prima media picchia la prof
14 febbraio 2018 - Tagli al bisfenolo A in Gazzetta Ue
14 febbraio 2018 - In Trump’s first year, U.S. agency doubles solar investments abroad
14 febbraio 2018 - Embraco: Calenda chiede chiarimenti a Ue
14 febbraio 2018 - Di Maio a Mef, su fondo pmi oltre 23 mln
14 febbraio 2018 - U.S. inflation test looms large, dollar falls
14 febbraio 2018 - Renzi, non votate quelli di "spread tax"
14 febbraio 2018 - Di Maio, su rimborsi sbagliato fidarmi
14 febbraio 2018 - South African police raid Gupta home, pressure cranks up on Zuma
14 febbraio 2018 - Economia: ISTAT, NEL 2017 PIL +1,5%
14 febbraio 2018 - Istat, pil Italia 2017 +1,4%
14 febbraio 2018 - Israel's Netanyahu says government coalition remains stable
14 febbraio 2018 - Sport: LEBRON JAMES TRASCINA I CAVS, HARDEN I ROCKETS
14 febbraio 2018 - Sport: PELLEGRINO "ARGENTO DA OUTSIDER E NON FINISCE QUI"
14 febbraio 2018 - Walmart goes to the cloud to close gap with Amazon
14 febbraio 2018 - South Korea union says GM plant closure move is 'death sentence', threatens strike
14 febbraio 2018 - Germania: Pil IV trimestre +0,6%
Collegi, più fondi per le strutture

Collegi, più fondi per le strutture

Share

Simone Panero | La vita in collegio è basata su un aiuto reciproco, lavori di gruppo e amicizie spontanee, si condivide la vita quotidiana in modo regolare e c’è grande entusiasmo dal punto di vista umano. Il collegio universitario è un luogo di confronto con studenti di altre facoltà ed “è una scuola di socializzazione” (Umberto Eco). A Torino sono presenti due grandi realtà: il Collegio Renato Einaudi suddiviso in 5 sezioni e il Camplus Lingotto della fondazione CEUR, una residenza universitaria dotata di tutor specializzati, corsi di lingua e career services (percorsi individuali e di gruppo per scoprire la propria vocazione professionale).

L’Einaudi, eccellenza dal 1935, propone la sezione Crocetta, Mole Antonelliana, Po, San Paolo e Valentino, ricoprendo così tutta l’area accademica torinese, dalle facoltà umanistiche a quelle scientifiche e tecnologiche. Offre servizi agli studenti per massimizzare il loro rendimento negli studi, servizi per migliorare la qualità della vita e formazione complementare. Si può risiedere in collegio in base a graduatorie e si mantiene il posto secondo determinati requisiti di merito. Il Collegio promuove anche attività sportive in collaborazione con il CUS Torino, attività formative e culturali. EDISU Piemonte gestisce inoltre 20 residenze universitarie in regione, aperte 11 mesi all’anno, che sono ambienti ideali per lo studio e per il confronto diretto con altre culture. Nelle strutture abitative gli studenti possono usufruire di servizi interni in relazione alla tipologia di residenza ospitante.

La domanda di borse di studio e di letti è in costante aumento, sono sempre di più gli studenti che rimangono esclusi dall’assegnazione, seppur completamente idonei. Il dato è in aumento del 24%, a Torino hanno diritto ad un posto letto 5063 studenti ma ben 1572 sono rimasti esclusi, solo nel Lazio e in Puglia riscontriamo risultati analoghi. Gli studenti fuori sede con un basso profilo isee si ritrovano a fronteggiare un problema non da poco e sono costretti a ricercare affitti che molto spesso diventano proibitivi. Secondo Andrea Torti, responsabile di Link coordinamento universitario: «È chiara l’urgenza di politiche di rifinanziamento nel diritto allo studio, a partire da un investimento ingente di fondi in legge di bilancio, per garantire non solo la copertura, ma anche la qualità del servizio, tale da non mettere le studentesse e gli studenti nella posizione di dover abbandonare gli studi a percorso iniziato, a causa dell’insostenibilità economica delle spese che di diritto lo Stato dovrebbe coprire». Mancano i fondi per il rinnovamento delle abitazioni e dei posti letto, EDISU deve risolvere quella che ormai sta diventando un’emergenza nazionale.

È prevista una nuova ondata di proteste e scioperi per il 24 novembre, a Torino l’azione parte dal Politecnico (assemblea in Corso Duca). Docenti, professori universitari e studenti sono invitati al confronto per il sostegno dell’Università pubblica che fatica a garantire il diritto allo studio a causa delle scarsità delle risorse. I posti nelle residenze universitarie non bastano per tutti e molti sono costretti a studiare fuori sede.

Per scoprire la mappa dei collegi e delle residenze universitarie visita il sito dei Collegi universitari e il sito di Edisu.

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *