Nasce Jazz in Piemonte, la rete tra locali e festival

Nasce Jazz in Piemonte, la rete tra locali e festival

Share

E’ nato un nuovo circuito comunicativo che mette insieme alcuni dei più prestigiosi locali dove si suona jazz a Torino. Si chiama Jazz in Piemonte. Lo scopo è far sapere cosa accade a Torino, raccontando concerti rassegne e festival sulla stampa, sui social e su tutto quanto fa informazione.

Dipinto a mano, con vino Barolo, realizzato da Vincenzo Reda

Non è quindi un’organizzazione di concerti ma un lavoro di informazione, a costo zero, che non entra nel merito della programmazione (di assoluta esclusività dei clubs e delle rassegne aderenti). Ben presto, dicono i promotori, sia grazie all’atteso patrocinio del MIDJ (associazione nazionale musicisti jazz), sia con la richiesta di collaborazione dell’Associazione Nazionale dei Jazz club Italiani, il circuito si dovrebbe allargare. Attualmente prevede su Torino la collaborazion di Cafè Neruda,Tre Bicchieri, Charlie Bird, Mad Dog, Milk,Osteria Rabezzana

Il Jazz club di Alessandria è stato uno dei primi “fuori porta” ad aderire a questa nuova formula, che intende permettere di ospitare musicisti provenienti da altre città o nazioni, grazie ad un circuito di concerti che sia per loro gratificante sia sotto il profilo artistico che economico.

Ma il circuito deve permettere anche una buona pubblicizzazione dei concerti e dei musicisti creando nel contempo interessanti collaborazioni e scambi fra musicisti di altre città e paesi. Tutto per favorirne anche la “crescita” artistica.

La programmazione riprenderà al  termine del TJF e durerà sino a giugno, per poi riprendere ad ottobre.

Per info e iscrizioni: jazz.per.to@gmail.com

Segui le attività sulla pagina Fb e sul blog di Jazz in Piemonte

 

 

 

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *