Verso il voto? accordi in vista

Verso il voto? accordi in vista

Share

Sembra sempre più probabile che il Governo giallo-verde sia giunto al Capolinea, con non qualche forte preoccupazione per il M5S che, stante agli ultimi sondaggi, vedrebbe dimezzata la pattuglia dei suoi Parlamentari.

Lo scenario possibile in vista di una scadenza elettorale di metà-fine Ottobre 2019 è quello di recuperare, alla faccia del voto proporzionale, due grosse coalizioni di Centro Destra e di Centro Sinistra.

Se da una parte, visto che già così avviene in molte città e Regioni, la coalizione con a capo Salvini potrebbe raggiungere e superare un 51% ( 38% Lega,7% FdI e 6% FI, altri..) , dall’altra parte il neo Ulivo 2.0 potrebbe a fatica raggiungere il 30%, considerando PD,+Europa,Sinistra, Verdi e il neo nato partito di Pizzarotti IIC.

Tra rinuncie al veto del terzo mandato e possibili accordi sotteranei Renzi-M5S, l’alternativa che si potrebbe delineare è un accordo PD-M5S con tanti mal di pancia da una parte e dall’altra, nonostante tra gli elettori dei Grillini ci siano anche tanti ex PD delusi.

Ma il rischio è che pur così non si arrivi a battere percentualmente la coalizione di Centro Destra. Ed allora via ad accordi di Governi tecnici per la tenuta del Paese con varie giustificazioni economiche, l’aumento dell’IVA, la Legge di Bilancio ecc…

Staremo a vedere, il Paese aspetta ed arranca.

 

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *