Renzi saluta e se ne va

Renzi saluta e se ne va

Share

Renzi atto secondo. Dopo la genialata di resuscitare il PD creando un’alleanza a molti ostica con il M5S, ora l’ex premier Matteo Renzi ha deciso di lasciare il PD.

Creerà un gruppo autonomo alla Camera grazie a circa 20 parlamentari che lo seguiranno ed aderirà al gruppo Misto al Senato.

Giurata la fedeltà al Governo Conte Bis, per quanto tempo non si sa, tanto che l’attuale premier si dice molto preoccupato della scelta.

Ma a preoccuparsi sarà anche l’eurodeputato Carlo Calenda che vede nella mossa a sorpresa di Renzi, un possibile intralcio alla creazione di un suo partito liberal, senza agganci alla storia socio-comunista.

Nei prossimi mesi si potrà capire che cosa ne rimarrà del PD, che appena ritornato al Governo, anche con uomini e donne dell’area Renziana, deve ora fare attenzione a non implodere, contando sempre meno nella scena politica Nazionale.

Nel mentre si avvicinano le votazioni per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *