Il primo laboratorio universitario dedicato alla cannabis

Il primo laboratorio universitario dedicato alla cannabis

Share

Fuoriluogo | Sarà attivo a Roma, alla Sapienza, il primo corso universitario italiano sugli aspetti socio economici del mercato della cannabis. Il laboratorio dal titolo “Analisi socio-economica del mercato della cannabis” sarà attivato da questo anno accademico e consentirà agli studenti dell’Università La Sapienza di ottenere 3 crediti formativi universitari. E’ curato da Marco Rossi, economista e docente presso la Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione de La Sapienza.

Nel programma oltre ad una introduzione sulla storia della pianta della cannabis e sulla sua regolamentazione nazionale e internazionale, è prevista un’analisi dei riflessi teorici filosofici rispetto a proibizione e libertà, di quelli filosofici legati ai tabù, allo stigma e all’integrazione sociale dei consumatori e di quelli giuridici legati alle normative in vigore. Infine si approfondiranno ovviamente i modelli economici del mercato illegale e legale della cannabis, implicazioni economiche e fiscali della legalizzazione inclusi.

Marco Rossi ha dedicato numerose delle sue pubblicazioni alla ricerca sui modelli economici legati al mercato della cannabis, fra i quali anche una ricerca sugli effetti economici della sua legalizzazione in Italia che abbiamo pubblicato nel sesto Libro Bianco sulle droghe (2015).

Il laboratorio sulla cannabis, aperto agli studenti della Sapienza, si terrà presso l’auletta di sociologia della Palazzina ex-Tumminnelli, ogni mercoledì dalle 17 alle 19 a partire dal prossimo 30 ottobre 2019.

 

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *