NOTA DI AGGIORNAMENTO DEF 2019: principali misure per Sanità e Sociale

NOTA DI AGGIORNAMENTO DEF 2019: principali misure per Sanità e Sociale

Share

La Nadef per la Sanità e per il Sociale contiene alcuni impegni del Governo e annuncia interventi, per vederli applicati bisognerà però attendere successivi provvedimenti, a partire dall’imminente Legge di Bilancio.

 Nadef e Sanità

A pagina 8 il Governo dichiara di voler “… sostenere e rafforzare il sistema sanitario universale”.

A pagina 50 si ribadisce che “il  Governo si è impegnato a ridurre il cuneo fiscale sul lavoro, a rilanciare gli investimenti pubblici, ad aumentare le risorse per istruzione e ricerca scientifica e tecnologica e a sostenere e rafforzare il sistema sanitario universale”. Le risorse per il finanziamento degli interventi previsti dalla manovra di bilancio per il 2020 sono pari a quasi 0,8 per cento del PIL”.

A pagina 94, nel capitolo riguardante la riduzione dei divari territoriali, il Governo dichiara che intende rilanciare la Strategia nazionale per le Aree interne al fine di aumentare i territori coinvolti e l’impatto sul miglioramento anche dei servizi di salute.

A pagina 95, nel capitolo “Efficienza della Pubblica Amministrazione“, è annunciato un piano straordinario di reclutamento di medici e infermieri.

A pagina 101 e 102 sono indicate le “Linee Programmatiche per la Sanità .

In questo capitolo vi è una dura critica al superticket e l’annuncio di un DdL per rivedere il sistema di compartecipazione. Tuttavia le soluzioni non sono semplici: per l’abolizione del superticket si tratta di trovare le coperture, tenendo conto che alcune regioni lo hanno già eliminato ma con risorse proprie; per la revisione del sistema (esenzioni, ecc) le misure anticipate (es. utilizzo del reddito familiare equivalente, ecc) devono essere ben ponderate in termini di effettiva equità.

Sull’argomento ticket vedi:

LE DICHIARAZIONI DEL MINISTRO SPERANZA

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE BONACCINI 

Sul Finanziamento del SSN

La NADEF non modifica le previsioni del FSN: l’attuale Legge di bilancio prevede un aumento del FSN di 2 miliardi per il 2020 e di ulteriori 1,5 miliardi per il 2021, Si tratta, come è stato più volte segnalato, anche dalla Conferenza delle Regioni, di cifre insufficienti. Resta così critica la situazione del finanziamento al SSN.

A conferma di ciò, la Nadef, come il DEF 2019, prevede una riduzione dell’incidenza percentuale della spesa sanitaria sul PIL per il periodo 2019-2022 (a legislazione vigente) che, alla fine dell’arco temporale considerato, scende ad un livello pari al 6,5 per cento

Nadef Politiche Sociali e Non Autosufficienza

A pagina 11 è annunciato, come collegato alla manovra 2020-2022, oltre al DdL sui ticket, anche un DdL in materia di disabilità.

A pagina 100, nel capitolo “Le riforme costituzionali e l’autonomia differenziata”  si annuncia la definizione dei “Livelli Essenziali delle Prestazioni concernenti i diritti civili e sociali”.

A pagina 86, nel capitolo “Misure a sostegno delle famiglie e pari opportunità” vi è un impegno riferito ai caregiver familiari, e si annunciano specifici interventi fiscali a favore delle famiglie, in particolare per quelle prive di adeguate risorse economiche (…) e quelle con persone disabili.

A pagina 48, da segnalare che nel capitolo “Le tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico  italiano e delle spese pubbliche connesse all’invecchiamento” si prevede una modestissima crescita della spesa per LTC sia per la componente sanitaria che assistenziale (periodo anni 2020 – 2070).

A pagina 71 si annuncia “l’installazione di sistemi di videosorveglianza presso gli asili nido, le scuole dell’infanzia e le strutture che ospitano anziani e disabili”

A pagina 85 e 86, nel capitolo “Mercato del lavoro politiche attive del lavoro e politiche sociali – CSR n. 2” le Linee Programmatiche prevedono misure relative al Reddito di Cittadinanza.

scarica la NADEF 2019 integrale

(Fonte SOSSanità

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *