Nuovo Coronavirus 2019-nCoV: è emergenza sanitaria

Nuovo Coronavirus 2019-nCoV: è emergenza sanitaria

Share

Ultimi aggiornamenti

Data as reported by 11 February 2020*Novel Coronavirus(2019-nCoV)Situation Report –22SITUATION IN NUMBERS total and new cases in last 24 hoursGlobally 43 103 confirmed (2560new)China42 708 confirmed (2484 new)7333 severe (849 new)1017 deaths (108 new)Outside of China395 confirmed (76 new)24 countries1 death

31/1/2020 – 2019-nCoV: emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale

Il 30 gennaio 2020, dopo la seconda riunione del Comitato di sicurezza, il Direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il focolaio internazionale da nuovo coronavirus 2019-nCoV un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale (Public Health Emergency of International Concern – PHEIC), come sancito nel Regolamento sanitario internazionale (International Health Regulations, IHR, 2005). La dichiarazione di PHEIC comporta per l’OMS fornire raccomandazioni e misure temporanee, che non sono vincolanti per i Paesi, ma che sono significative sia dal punto di vista pratico che politico relativamente a: viaggi, commerci, quarantena, screening e trattamento. L’OMS inoltre definisce standard di pratica globali. Leggi l’approfondimento.

 

30/1/2020 – I primi due casi confermati in Italia

Confermati dall’ISS i primi due casi di infezione da nuovo coronavirus 2019-nCoV nel nostro Paese. Si tratta di due turisti cinesi ricoverati dal 29 gennaio all’Istituto nazionale per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”. Le Autorità sanitarie regionali hanno messo in atto tutte le misure per tracciare i contatti in via precauzionale, in accordo con le misure già definite dal ministero della salute.

 

30/1/2020 – 2019-nCoV: Dichiarata l’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale

Il 30 gennaio 2020, dopo la seconda riunione del Comitato di sicurezza, il Direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il focolaio internazionale da nuovo coronavirus 2019-nCoV un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale (Public Health Emergency of International Concern – PHEIC), come sancito nel Regolamento sanitario internazionale (International Health Regulations, IHR, 2005). Leggi lo statement sul sito dell’OMS.

Bilancio si aggrava  i casi confermati sono 4.474 e i decessi 107. In Cina si concentra la maggior parte dei contagi (4.409). Ma il coronavirus è stato rintracciato anche in numerosi altri paesi, come in Francia, dove ci sono 3 contagiati, in Thailandia 8, in Australia 5, negli Stati Uniti 5 e c’è un primo caso in Germania e in Canada (ultime news)

L’andamento dei casi conferma trasmissione da uomo a uomo.

Consulta l’andamento dei casi nelle pagine web delle due principali agenzie internazionali (In inglese):

Vedi anche:

Task-force Ministero della Salute: Italia in linea con le raccomandazioni OMS su coronavirus 2019-nCoV

La task-force del Ministero della Salute sul coronavirus 2019-nCoV si è riunita questa mattina alla presenza del ministro, Roberto Speranza. Presenti, tra gli altri, anche i vertici degli aeroporti di Roma Fiumicino, di Milano Malpensa e la Protezione Civile. È stato discusso il documento ufficiale dell’WHO/OMS, divulgato ieri, che ha deciso di non dichiarare al momento l’emergenza sanitaria globale e ha disposto alcune raccomandazioni. La task-force ha verificato che le misure adottate dall’Italia nei giorni scorsi erano già in linea con quanto indicato dalla stessa Organizzazione mondiale della sanità.

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jspGD info e consigli utili

Registrati 830 casi, segnalazioni anche in Texas, Giappone e Europa. La trasmissione dai pipistrelli ai serpenti, per poi arrivare all’uomo (Fonte Repubblica)Registrato, intanto, il primo caso in Australia.

Infografica Coronavirus
Coronavirus, le recenti forme epidemiche

Interessante articolo pubblicato su Lancet che spiega come il contagio da uomo a uomo possa avvenire anche in assenza di sintomi e febbre.Fondamentale quindi isolare i soggetti Infetti.

https://www.thelancet.com/pdfs/journals/lancet/PIIS0140-6736(20)30154-9.pdf

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *