COVID-19 Mantenere i Servizi Sanitari essenziali durante l’epidemia

COVID-19 Mantenere i Servizi Sanitari essenziali durante l’epidemia

Share

 la Guida operativa OMS(Fonte SOSSabità)

L’organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato la Guida operativa per il mantenimento dei servizi essenziali durante l’epidemia Covid-19 (il 25.3.2020), per fronteggiare i rischi di malattia, di complicanze, di mortalità per condizioni diverse (tumori, cardiopatie, diabete, salute materno infantile salute mentale, ecc) da quelle direttamente legate all’epidemia.

Premessa

Questo documento amplia il contenuto delle linee guida di pianificazione operativa per supportare la preparazione e la risposta del paese e fornisce indicazioni su una serie di azioni immediate mirate che i paesi dovrebbero prendere in considerazione a livello nazionale, regionale e locale per riorganizzare e mantenere l’accesso a servizi essenziali di alta qualità servizi sanitari per tutti.

I sistemi sanitari si stanno confrontando con una domanda in rapido aumento generata dall’epidemia COVID-19.

Quando i sistemi sanitari sono sopraffatti, sia la mortalità diretta per epidemia sia la mortalità indiretta da le condizioni prevenibili con il vaccino e curabili aumentano notevolmente. L’analisi sull’epidemia dell’Ebola 2014-2015 suggerisce che l’aumento del numero di decessi causati da morbillo, malaria, HIV / AIDS e da tubercolosi attribuibile a guasti del sistema sanitario ha superato le morti per Ebola. [1,2]

La capacità di un sistema di mantenere la fornitura di servizi sanitari essenziali dipenderà dalla sua capacità di base e dal carico di malattia, e dal contesto di trasmissione COVID-19 (classificato come: nessun caso, sporadico, cluster o trasmissione di comunità).

Mantenere la fiducia della popolazione nella capacità del sistema sanitario di soddisfare in modo sicuro i bisogni essenziali e di controllare il rischio di infezione nelle strutture sanitarie è la chiave per garantire comportamenti e aderenza adeguati per la salute pubblica.

Un sistema sanitario ben organizzato e preparato ha la capacità di mantenere equamente accessibili i servizi essenziali durante un’emergenza, limitando la mortalità diretta ed evitando un aumento di mortalità indiretta.

Con un carico di lavoro COVID-19 relativamente limitato, i sistemi sanitari possono avere la capacità di mantenere un servizio di routine oltre alla gestione dei casi COVID-19.

Quando i carichi di lavoro sono alti, e / o la forza lavoro sanitaria è ridotta a causa dell’infezione degli operatori sanitari, sono necessari cambiamenti strategici per garantire in anche una situazione di risorse limitate il massimo beneficio per una popolazione.

I paesi dovranno prendere decisioni difficili per bilanciare le richieste di risposta diretta a COVID-19, impegnandosi contemporaneamente nella pianificazione strategica e nell’azione coordinata per mantenere i servizi essenziali per la salute, contrastando il rischio di collasso del sistema. Molti servizi di routine ed elettivi possono essere posticipati o sospesi. Inoltre, quando la routine è minacciata a causa di richieste concorrenti, si possono adottare meccanismi e protocolli di governance semplificati appositamente progettati proprio mantenere in piedi il sistema. Stabilire un flusso efficace dei paziente (per screening, triage e referral mirato dei casi COVID-19 e non COVID-19) è essenziale a tutti i livelli.

La corretta attuazione di questi cambiamenti strategici richiederà trasparenza e comunicazioni frequenti con il pubblico, protezioni specifiche per garantire l’accesso alle popolazioni socialmente vulnerabili, impegno attivo di comunità e delle altre parti interessate, e un alto grado di cooperazione da parte degli individui.

Questo documento amplia il contenuto delle linee guida di pianificazione operativa a supporto dei Paesi. Fornisce una guida su una serie di azioni immediate mirate che i paesi dovrebbero prendere in considerazione a livello nazionale, regionale e locale per riorganizzare e mantenere l’accesso a servizi sanitari essenziali di qualità per tutti. Completa la guida OMS sulle implicazioni più ampie per il COVID-19 per i sistemi sanitari e strategie intergovernative per rispondere all’epidemia di COVID-19, compresa la guida tecnica specifica per regione sviluppata dagli uffici regionali dell’OMS.

  1. Elston, J. W. T., Cartwright, C., Ndumbi, P., & Wright, J. (2017). The health impact of the 2014–15 Ebola outbreak. Public Health, 143, 60-70.
  2. Parpia, A. S., Ndeffo-Mbah, M. L., Wenzel, N. S., & Galvani, A. P. (2016). Effects of response to 2014–2015 Ebola outbreak on deaths from malaria, HIV/AIDS, and tuberculosis, West Africa. Emerging infectious diseases, 22(3), 433.

In particolare nel capitolo 2 si raccomanda un’individuazione attenta dei servizi essenziali.

… I paesi dovrebbero identificare i servizi essenziali a cui verrà data la priorità nei loro sforzi per mantenere la continuità l’erogazione dei servizi.

Le categorie ad alta priorità includono:

–> Prevenzione essenziale per le malattie trasmissibili, in particolare la vaccinazione;

–> Servizi relativi alla salute riproduttiva, comprese le cure durante la gravidanza e il parto;

–> Cura delle popolazioni vulnerabili, come i bambini piccoli e gli adulti più anziani;

–> Fornitura di farmaci e prestazioni per la gestione in corso delle malattie croniche, incluso quelle riferite alle condizioni di salute mentale;

–> Continuità delle terapie ospedaliere critiche;

–> Gestione delle condizioni sanitarie di emergenza e delle co

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *