Un lungo viaggio interiore

Un lungo viaggio interiore

Share

Francesco Condemi analizza il libro Dopo la solitudine, di Antonella Frontani, da cui trae il suo componimento Così diverso così uguale

Recensione e componimento di Francesco Condemi

Il silenzio è rotto solo dalla musica e dai ricordi mentre tutto il resto è frastuono per le sue orecchie.

La solitudine è una scelta per Lorenzo, il protagonista dell’ultimo libro di Antonella Frontani, necessaria nella sua vita così perfetta dove le emozioni non possono entrare.

Un viaggio, più interiore che geografico nonostante le dettagliate descrizioni dell’autrice che sembrano condurci per mano nei vari luoghi, lo spingerà ad abbattere i confini che si era imposto, attratto da quanto più evitava, da quanto forse mai aveva accettato.

Bach e Mozart per descrivere ogni stato d’animo, colonna sonora che ritma il racconto.

La disabilità toccata come pregiudizio verso la diversità e infine l’amore, che come un fiore e contro ogni logica, sboccia in terra arida.

Ma dopo la solitudine?

Così diverso così uguale

Così uguale

Dopo la solitudine, un gran rumore

parole e musica si lasciano ascoltare

l’amore rinasce come un alba nuova

e quello che sembrava diverso

torna familiare.

Ho gridato tante volte alla mia anima di cambiare

ma la sofferenza insistente mi bloccava

poi l’amore entrò nella mia vita

e tutto tornò normale

io che mi sentivo diverso ora mi sento uguale.

Non fa più paura

quella solitudine voluta dal dolore

la corazza creata ora è crollata

mi guardo dentro e sorrido

sentendomi parte della storia.

Affronterò la vita come viene

l’affronterò tenendoti la mano

e insieme affronteremo quel domani

che oggi sembrava così lontano.

Niente più solitudine, niente più silenzi

aspirerò avidamente il senso della vita

la mia mano continuerà a stringere la tua

e quel freddo invernale

accompagnato da una musica celestiale

diventerà caldo d’estate.

                                                Francesco Condemi

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *