Breaking News
24 settembre 2017 - Schulz, populisti in Bundestag minaccia
24 settembre 2017 - Merkel wins fourth term as far-right enters German parliament
24 settembre 2017 - NFL players, managers defy Trump on anthem protests as feud ramps up
24 settembre 2017 - Precipita caccia:ritrovato corpo pilota
24 settembre 2017 - Tremor shakes Mexico as hope dims of finding quake survivors
24 settembre 2017 - Politica: PD, RENZI "USCIRE DA MODALITA' LITIGIO"
24 settembre 2017 - Sport: SAGAN NELLA LEGGENDA, TRENTIN AI PIEDI DEL PODIO
24 settembre 2017 - Caccia militare in mare durante show
24 settembre 2017 - Jaguars, Ravens kneel for anthem in 1st game since Trump ramps up feud
24 settembre 2017 - La settimana economica di Giuliano Zoppis: PER LA BREXIT TEMPI LUNGHI, MAY FRENA
24 settembre 2017 - Obamacare repeal bill in doubt in Senate as key Republicans' concerns deepen
24 settembre 2017 - Serie A: Inter e Lazio avanzano
24 settembre 2017 - Trump urges fans to consider NFL boycott over player anthem protests
24 settembre 2017 - Studentessa denuncia stupro a Rimini
24 settembre 2017 - Gotti Tedeschi, nessuna accusa al Papa
24 settembre 2017 - Lazio,no fondi sms Amatrice,già'coperta'
24 settembre 2017 - Senator Collins leaning against voting for Republican healthcare bill
24 settembre 2017 - 'Fondi sms non ad Amatrice',faro procura
24 settembre 2017 - Vaticano: Milone, obbligato a dimettermi
24 settembre 2017 - Calcio: Montella "Milan insufficiente"
24 settembre 2017 - Secessioni, fra stile e politica
24 settembre 2017 - Sport: MARQUEZ VINCE GP ARAGON, 5^ ROSSI, MALE DOVIZIOSO
24 settembre 2017 - Sport: LA SAMPDORIA STENDE CON MERITO IL MILAN
24 settembre 2017 - Trump renews clash with U.S. sports world
24 settembre 2017 - Gotti Tedeschi firma nota "eresie" Papa
ISTAT: MENO VISITE MEDICHE, C’E’ LA CRISI

ISTAT: MENO VISITE MEDICHE, C’E’ LA CRISI

Share

Redazione DottNet.it |

La popolazione che non va più dal medico è cresciuta tra il 2008 e il 2015 del 6,5%

La crisi ha ancora i suoi effetti e molti italiani non hanno recuperato i livelli di reddito che avevano prima della recessione. A causa di ciò la quota di persone che hanno rinunciato a una visita specialistica negli ultimi 12 mesi, perché troppo costosa, è cresciuta tra il 2008 e il 2015 da 4,0 a 6,5% della popolazione; il fenomeno è più accentuato nel Mezzogiorno, sia come livello di partenza sia come incremento (da 6,6 a 10,1%).

Lo riferisce l’Istat nel Rapporto 2017. “Tra i gruppi sociali le diseguaglianze nelle condizioni di salute – aggiunge l’istituto di statistica – sono notevoli. Nel gruppo della classe dirigente tre quarti delle persone si dichiarano in buone condizioni di salute, mentre in quello più svantaggiato di anziane sole e giovani disoccupati la quota scende al 60,5%”. Per i meno abbienti calano anche i controlli di prevenzione ai tumori per le donne.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *