Breaking News
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile programme will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Grillo, è emergenza. Circondiamo Senato
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Monti, non sorpreso da Renzi
19 ottobre 2017 - Maroni, trattativa prima delle politiche
19 ottobre 2017 - Spain threatens Catalonia with direct rule from Madrid
19 ottobre 2017 - Ardern to be next NZ prime minister, spelling big change for economy
19 ottobre 2017 - Cannabis, ok da Camera a uso medico
19 ottobre 2017 - P.Chigi, autonomia Bankitalia tutelata
19 ottobre 2017 - Don Pallù a Firenze, accolto da canti
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure: agency
19 ottobre 2017 - Pakistani anti-corruption court indicts ousted PM Sharif and daughter
19 ottobre 2017 - Spain to trigger suspension of Catalan autonomy on Saturday
19 ottobre 2017 - Abertis, offerta Atlantia migliorabile
19 ottobre 2017 - Taliban kill at least 43 Afghan troops as they storm base: officials
19 ottobre 2017 - New Zealand Labour to form next government with support of small nationalist party
19 ottobre 2017 - Borsa: Milano apre piatta (-0,05%)
19 ottobre 2017 - 'Nowhere to hide': North Korean missiles spur anxiety in Japan fishing town
19 ottobre 2017 - Borsa: Tokyo, chiusura in rialzo,+0,40%
19 ottobre 2017 - China economy shows solid momentum as party meets, but property curbs bite
19 ottobre 2017 - Cina: rallenta Pil III trimestre a +6,8%
19 ottobre 2017 - Thirty years ago this week, Wall Street slid into the abyss
19 ottobre 2017 - Senate poised for crucial vote related to tax reform measure
19 ottobre 2017 - China's third-quarter economic growth slows as expected, property measures bite
19 ottobre 2017 - China suggests Xi's political ideology to be elevated in party constitution
19 ottobre 2017 - China third-quarter GDP growth slows as expected, property measures bite
SEMPRE MENO ACQUA NEL MONDO

SEMPRE MENO ACQUA NEL MONDO

Share
siccità

Giorgio Diaferia | Caldo, siccità,desertificazione, carenza d’acqua e suo razionamento, sembrano parole vuote, un po’ provocatorie e lontane dalla nostra vita di tutti i giorni.

Purtroppo non è così e con puntuale precisione i climatologi, i geologi ed i meterologi ci ricordano che inesorabilmente la temperatura del nostro Pianeta continua ad aumentare ed i cambiamenti climatici in corso hanno già iniziato a creare disastri ambientali e sociali (le migrazioni per il clima).

Cosa possiamo fare in concreto nel bacino del Mediterraneo, divenuto ormai un mare tropicale? Le recenti siccità mediterranee hanno messo in evidenza le preoccupazioni che il cambiamento climatico possa contribuire all’evoluzione delle tendenze di essiccazione, ma la variabilità del clima naturale nella regione è ancora poco capita.

Analizziamo 900 anni (1100-2012) della variabilità della siccità del Mediterraneo nell’Olda Atlas del Sangue del Vecchio Mondo (OWDA), una ricostruzione spazio-temporale dell’anello di albero dell’indice di severità indefinita di Palmer di autocalibrazione di giugno-luglio-agosto. Nel Mediterraneo, l’OWDA è fortemente correlato con la precipitazione primaverile (aprile-giugno), l’oscillazione del Nord Atlantico (gennaio-aprile), il modello scandinavo (gennaio-marzo) e il modello dell’Atlantico orientale (aprile-giugno).  

La variabilità della droga mostra una significativa coerenza est-ovest nel bacino sui tempi multidirezionali a centenari e l’antifasco nord-sud nel Mediterraneo orientale, con tendenza ad anomalie umide nella regione del Mar Nero (ad esempio, Grecia, Anatolia e Balcani) Libia, il Levante meridionale e il Medio Oriente sono asciutti, forse legati all’oscillazione del Nord Atlantico.

Le recenti siccità sono centrate nel Mediterraneo occidentale, in Grecia e nel Levante. Gli eventi di grandezza simile nel Mediterraneo occidentale e in Grecia si verificano nell’OWDA, ma la recente siccità di 15 anni nel Levante (1998-2012) è la più netta nel record.

La stima delle incertezze utilizzando un approccio di riesaminamento fa concludere che esiste un rischio dell’89% che questa siccità sia più secca di qualsiasi periodo comparabile degli ultimi 900 anni e un rischio del 98% che sia più secco degli ultimi 500 anni. Questi risultati confermano la natura eccezionale di questa siccità rispetto alla variabilità naturale nei secoli recenti, coerente con studi che hanno trovato prove di essiccazione antropogenicamente forzata nella regione.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *