Breaking News
19 ottobre 2017 - A Valentino il Golden Plate Award
19 ottobre 2017 - Senato verso cambio del Regolamento
19 ottobre 2017 - Fabi,no a metodi criminali recupero Npl
19 ottobre 2017 - Manovra, un mln nuovi assunti in 3 anni
19 ottobre 2017 - Florida police brace for protests with speech by white nationalist
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Sileoni, non meritava questo
19 ottobre 2017 - Riciclaggio:rischio processo Fini
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Inps, -2,5% contratti stabili in 8 mesi
19 ottobre 2017 - G7 Ischia, corteo in centro Napoli
19 ottobre 2017 - L.elettorale: Zanda, gruppo Pd compatto
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile programme will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Grillo, è emergenza. Circondiamo Senato
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Monti, non sorpreso da Renzi
19 ottobre 2017 - Maroni, trattativa prima delle politiche
19 ottobre 2017 - Spain threatens Catalonia with direct rule from Madrid
19 ottobre 2017 - Ardern to be next NZ prime minister, spelling big change for economy
19 ottobre 2017 - Cannabis, ok da Camera a uso medico
19 ottobre 2017 - P.Chigi, autonomia Bankitalia tutelata
19 ottobre 2017 - Don Pallù a Firenze, accolto da canti
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure: agency
19 ottobre 2017 - Pakistani anti-corruption court indicts ousted PM Sharif and daughter
19 ottobre 2017 - Spain to trigger suspension of Catalan autonomy on Saturday
19 ottobre 2017 - Abertis, offerta Atlantia migliorabile
19 ottobre 2017 - Taliban kill at least 43 Afghan troops as they storm base: officials
Il bilancio di Torino

Il bilancio di Torino

Share

Simone Panero | Da un’indagine condotta dall’Ufficio Studi della CGIA di Mestre Torino risulta il comune capoluogo più indebitato d’Italia. Su ogni torinese, infatti, grava un debito pro-capite di 3.419 euro, per buona parte attribuibile al costo delle grandi opere per le Olimpiadi del 2006. I conti non tornano e Torino necessita di un piano strategico concreto.

L’ultimo consiglio comunale, dopo un’estenuante discussione sui 110 emendamenti delle opposizioni, ha approvato con 24 favorevoli la delibera di revisione delle partecipazioni societarie, portata avanti dal sindaco Chiara Appendino e dall’assessore Sergio Rolando. Il piano di riordino delle partecipate è imposto dalla legge Madia e, come deciso dalla giunta, le quote di quattordici società finiranno sul mercato. Si comincia con il 10% della Sagat (Aeroporto Caselle) e il 5% di Città Metropolitana. Molto acceso il dibattito sul CAAT, il centro agroalimentare piemontese: Torino possiede il 92% della società e anche in questo caso ne verrà messo sul mercato il 5%. Le altre partecipazioni oggetto di cessione saranno 2I3T e I3P, incubatori di Università e Politecnico, Ceipiemonte, Enviroment Park, Finpiemonte, IPLA, Ceva Albenga Garessio spa, Agenzia di Pollenzo, Banca Popolare Etica, Finanziaria Centrale del Latte.

La giunta ha varato un piano quinquennale in accordo con la Corte dei Conti per il recupero di 80 milioni. Il primo anno sarà il più duro poiché l’amministrazione vorrebbe tagliare 30 milioni sulla spesa, riducendo dell’8% i servizi e i trasferimenti. Da ciò consegue una perdita di retribuzione per i dipendenti comunali, il blocco delle assunzioni fino al 2019 e un aumento di multe e tributi. Il Consiglio ha compiuto una scelta pressoché obbligata, dimissionando tutto ciò che non è considerato rilevante per le casse comunali.

Il piatto forte per riequilibrare i conti è però la cessione di Iren, la holding in possesso con il comune di Genova e bene comune che appartiene da un secolo ai torinesi. Il ricavato potrebbe ammontare a 70 milioni da dividere proprio con il capoluogo ligure.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *