Breaking News
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile programme will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Grillo, è emergenza. Circondiamo Senato
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Monti, non sorpreso da Renzi
19 ottobre 2017 - Maroni, trattativa prima delle politiche
19 ottobre 2017 - Spain threatens Catalonia with direct rule from Madrid
19 ottobre 2017 - Ardern to be next NZ prime minister, spelling big change for economy
19 ottobre 2017 - Cannabis, ok da Camera a uso medico
19 ottobre 2017 - P.Chigi, autonomia Bankitalia tutelata
19 ottobre 2017 - Don Pallù a Firenze, accolto da canti
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure: agency
19 ottobre 2017 - Pakistani anti-corruption court indicts ousted PM Sharif and daughter
19 ottobre 2017 - Spain to trigger suspension of Catalan autonomy on Saturday
19 ottobre 2017 - Abertis, offerta Atlantia migliorabile
19 ottobre 2017 - Taliban kill at least 43 Afghan troops as they storm base: officials
19 ottobre 2017 - New Zealand Labour to form next government with support of small nationalist party
19 ottobre 2017 - Borsa: Milano apre piatta (-0,05%)
19 ottobre 2017 - 'Nowhere to hide': North Korean missiles spur anxiety in Japan fishing town
19 ottobre 2017 - Borsa: Tokyo, chiusura in rialzo,+0,40%
19 ottobre 2017 - China economy shows solid momentum as party meets, but property curbs bite
19 ottobre 2017 - Cina: rallenta Pil III trimestre a +6,8%
19 ottobre 2017 - Thirty years ago this week, Wall Street slid into the abyss
19 ottobre 2017 - Senate poised for crucial vote related to tax reform measure
19 ottobre 2017 - China's third-quarter economic growth slows as expected, property measures bite
19 ottobre 2017 - China suggests Xi's political ideology to be elevated in party constitution
19 ottobre 2017 - China third-quarter GDP growth slows as expected, property measures bite
G7, ora Appendino è tra due fuochi

G7, ora Appendino è tra due fuochi

Share

Deborah Pedone | Il G7 di Venaria lascia in eredità a Torino uno strascico di polemiche e accuse che dai cortei e dagli scontri tra manifestanti e polizia arrivano fino in Sala Rossa e mettono in discussione il ruolo del vicesindaco Guido Montanari.

Non sono piaciute le parole di apprezzamento di Montanari per il corteo anti-G7 che sabato ha cercato di raggiungere Venaria. Il vice di Appendino (che non ha preso parte al corteo, mentre hanno sfilato i consiglieri Carretto e Montalbano) ha infatti postato sui suoi social una frase che a molti è sembrata fuori luogo per chi ricopre una carica istituzionale. «Belle le brioches da portare ai ministri» ha scritto Montanari, commentando l’iniziativa dei manifestanti che hanno cercato di portare sotto le finestre della Reggia brioches di gomma da offrire simbolicamente ai ministri e ai capi di Stato che prendevano parte ai lavori del summit.

A difendere il collega di giunta è stato il sindaco Chiara Appendino, che ha rispedito al mittente le richieste di quanti vogliono le dimissioni del suo vice. Il primo a chiederle è stato il senatore PD Stefano Esposito, che in un tweet diretto al primo cittadino non ha usato mezzi termini: «il vicensindaco Montanari è una vergogna per Torino. Licenzialo».

«Troppo facile prendere le distanze a parole e poi sfilare con i violenti nei cortei. Ci avevano chiesto di portare il G7 a Torino e poi hanno fatto fare una figuraccia all’anima profonda e solidale di questa città, prima capitale d’Italia» scrive Matteo Renzi sul suo profilo Facebook. A rincarare la dose è Silvia Fregolent: la parlamentare del PD definisce Montanari «mandante morale degli scontri che hanno sconvolto la città», e aggiunge: «Torino non può essere amministrata da incapaci che strizzano l’occhio a frange di violenti».

Il riferimento è all’arresto di uno dei leader storici del centro sociale Askatasuna, Andrea Bonadonna, fermato durante gli scontri con la polizia. Un’equazione, quella tra MoVimento e frange violente che per Luigi Di Maio non ha fondamento di verità. Al contrario, ha detto il neoleader dei Cinquestelle, proprio l’amministrazione guidata da Chiara Appendino ha dimostrato una straordinaria capacità nella gestione di un evento potenzialmente molto rischioso.

Un’amministrazione che però potrebbe accusare il colpo. Proprio il G7 ha messo allo scoperto alcune contraddizioni all’interno della maggiornaza di Palazzo Civico, apparsa poco omogenea. E non solo per l’atteggiamento di Guido Montanari. A storcere il naso, adesso, sono anche altri consiglieri pentastellati.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *