Breaking News
15 dicembre 2017 - Sky, finale X Factor più vista di sempre
15 dicembre 2017 - A assemblea Mediaset 49,8% capitale
15 dicembre 2017 - Some Canada firms could move to U.S. amid NAFTA worries: survey
15 dicembre 2017 - Kremlin: Putin and Trump agreed to exchange information on North Korea
15 dicembre 2017 - Ryanair to recognize unions in historic shift to stop strike
15 dicembre 2017 - Tesla largely responsible for slide in U.S. home solar sales: report
15 dicembre 2017 - Mexico plots open trade course to escape Trump's NAFTA threats
15 dicembre 2017 - Chiude Anno Borghi, flussi +12,5% estate
15 dicembre 2017 - Arrestato in Spagna 'Igor', 3 morti
15 dicembre 2017 - Coniugi uccisi: fermato il figlio
15 dicembre 2017 - Istat,per 3 laureati vanno via uno torna
15 dicembre 2017 - Ubi,pm chiede giudizio per i 31 imputati
15 dicembre 2017 - M5S: sindaca Dorgali, sono indagata
15 dicembre 2017 - Family-friendly Disney to bring edgier Fox fare to streaming video
15 dicembre 2017 - Transneft says its computers were used for mining cryptocurrency
15 dicembre 2017 - Svolta Ryanair, riconosce i sindacati
15 dicembre 2017 - Espulso francese, mimò spari contro Cc
15 dicembre 2017 - Rush finale su contratto statali
15 dicembre 2017 - A Ciambra escluso da corsa all'Oscar
15 dicembre 2017 - Borsa: Milano apre negativa (-0,5%)
15 dicembre 2017 - Ex calciatore ucciso, due fermi
15 dicembre 2017 - Documentarian Morgan Spurlock steps down after admitting misconduct
15 dicembre 2017 - Murdoch bets live sports and news will boost new, smaller Fox
15 dicembre 2017 - Republicans join push to lift secrecy around misconduct in Congress
14 dicembre 2017 - U.N. chief presses for release of arrested Reuters journalists in Myanmar
G7, ora Appendino è tra due fuochi

G7, ora Appendino è tra due fuochi

Share

Deborah Pedone | Il G7 di Venaria lascia in eredità a Torino uno strascico di polemiche e accuse che dai cortei e dagli scontri tra manifestanti e polizia arrivano fino in Sala Rossa e mettono in discussione il ruolo del vicesindaco Guido Montanari.

Non sono piaciute le parole di apprezzamento di Montanari per il corteo anti-G7 che sabato ha cercato di raggiungere Venaria. Il vice di Appendino (che non ha preso parte al corteo, mentre hanno sfilato i consiglieri Carretto e Montalbano) ha infatti postato sui suoi social una frase che a molti è sembrata fuori luogo per chi ricopre una carica istituzionale. «Belle le brioches da portare ai ministri» ha scritto Montanari, commentando l’iniziativa dei manifestanti che hanno cercato di portare sotto le finestre della Reggia brioches di gomma da offrire simbolicamente ai ministri e ai capi di Stato che prendevano parte ai lavori del summit.

A difendere il collega di giunta è stato il sindaco Chiara Appendino, che ha rispedito al mittente le richieste di quanti vogliono le dimissioni del suo vice. Il primo a chiederle è stato il senatore PD Stefano Esposito, che in un tweet diretto al primo cittadino non ha usato mezzi termini: «il vicensindaco Montanari è una vergogna per Torino. Licenzialo».

«Troppo facile prendere le distanze a parole e poi sfilare con i violenti nei cortei. Ci avevano chiesto di portare il G7 a Torino e poi hanno fatto fare una figuraccia all’anima profonda e solidale di questa città, prima capitale d’Italia» scrive Matteo Renzi sul suo profilo Facebook. A rincarare la dose è Silvia Fregolent: la parlamentare del PD definisce Montanari «mandante morale degli scontri che hanno sconvolto la città», e aggiunge: «Torino non può essere amministrata da incapaci che strizzano l’occhio a frange di violenti».

Il riferimento è all’arresto di uno dei leader storici del centro sociale Askatasuna, Andrea Bonadonna, fermato durante gli scontri con la polizia. Un’equazione, quella tra MoVimento e frange violente che per Luigi Di Maio non ha fondamento di verità. Al contrario, ha detto il neoleader dei Cinquestelle, proprio l’amministrazione guidata da Chiara Appendino ha dimostrato una straordinaria capacità nella gestione di un evento potenzialmente molto rischioso.

Un’amministrazione che però potrebbe accusare il colpo. Proprio il G7 ha messo allo scoperto alcune contraddizioni all’interno della maggiornaza di Palazzo Civico, apparsa poco omogenea. E non solo per l’atteggiamento di Guido Montanari. A storcere il naso, adesso, sono anche altri consiglieri pentastellati.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *