Breaking News
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile programme will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Grillo, è emergenza. Circondiamo Senato
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Monti, non sorpreso da Renzi
19 ottobre 2017 - Maroni, trattativa prima delle politiche
19 ottobre 2017 - Spain threatens Catalonia with direct rule from Madrid
19 ottobre 2017 - Ardern to be next NZ prime minister, spelling big change for economy
19 ottobre 2017 - Cannabis, ok da Camera a uso medico
19 ottobre 2017 - P.Chigi, autonomia Bankitalia tutelata
19 ottobre 2017 - Don Pallù a Firenze, accolto da canti
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure: agency
19 ottobre 2017 - Pakistani anti-corruption court indicts ousted PM Sharif and daughter
19 ottobre 2017 - Spain to trigger suspension of Catalan autonomy on Saturday
19 ottobre 2017 - Abertis, offerta Atlantia migliorabile
19 ottobre 2017 - Taliban kill at least 43 Afghan troops as they storm base: officials
19 ottobre 2017 - New Zealand Labour to form next government with support of small nationalist party
19 ottobre 2017 - Borsa: Milano apre piatta (-0,05%)
19 ottobre 2017 - 'Nowhere to hide': North Korean missiles spur anxiety in Japan fishing town
19 ottobre 2017 - Borsa: Tokyo, chiusura in rialzo,+0,40%
19 ottobre 2017 - China economy shows solid momentum as party meets, but property curbs bite
19 ottobre 2017 - Cina: rallenta Pil III trimestre a +6,8%
19 ottobre 2017 - Thirty years ago this week, Wall Street slid into the abyss
19 ottobre 2017 - Senate poised for crucial vote related to tax reform measure
19 ottobre 2017 - China's third-quarter economic growth slows as expected, property measures bite
19 ottobre 2017 - China suggests Xi's political ideology to be elevated in party constitution
19 ottobre 2017 - China third-quarter GDP growth slows as expected, property measures bite
A Torino nasce la nuova Rete di orti urbani

A Torino nasce la nuova Rete di orti urbani

Share

Deborah Pedone | Si è tenuta domenica 8 ottobre, a casa Ozanam, la presentazione della neonata Rete Metropolitana degli Orti Urbani torinesi, proposta da OrMe, il gruppo informale che raccoglie le tante esperienze di orti urbani attivi in città. A coordinare l’evento è stata Elena Carmagnani, fondatrice di OrtiAlti, il progetto che trasforma i tetti in spazi da coltivare.

L’orto alto di casa Ozanam è rimasto aperto al pubblico per mostrare la grande soddisfazione, ma anche il duro lavoro, che questo progetto comporta. Per gli ortolani della Circoscrizione 5 è stata una vera festa, cominciata alle con le prime visite agli orti della Circoscrizione. «L’orto è condivisione, è un luogo in cui si incontrano diverse nazionalità, si realizza l’integrazione» ha detto l’assessore all’Ambiente della Città di Torino, Alberto Unia in apertura dell’incontro.

Torino è una delle città più avanzate in questo ambito: nel 1986 fu la prima città a regolamentare la nascita degli orti metropolitani. E sono numerosi ancora oggi, tutti con un’impronta personale ed esperienze diverse che OrMe vuole unire. A raccontare il cammino che ha portato all’idea della mappatura è stato Davide Lobue, naturalista e apicoltore, presidente dell’Associazione Parco del Nobile. La Rete vuole creare un progetto comune con obiettivi chiari, prima di tutto dando vita a una vera anagrafe degli orti della città, aiutando a risolvere i problemi della gestione quotidiana. Il passo successivo sarà garantire le competenze necessarie, attraverso corsi di formazione, per realizzare nuovi progetti come la collaborazione con le scuole.

Sarà così possibile creare momenti di incontro e scambio culturale, avvicinando soprattutto i bambini alla manualità e insegnando al tempo stesso una buona educazione ambientale. Tra le proposte degli ortolani della città, alcune sono già state messe in pratica, a cominciare con l’ortoterapia e con specifici programmi di lavoro con persone diversamente abili. Una proposta, questa, che risulta utile soprattutto alla salvaguardia di aree della città che vanno recuperate.

L’idea è stata meditata a lungo, a partire dal giugno 2016 ed è stata supportata dalla Compagnia San Paolo, in collaborazione con Atlante del Cibo e First Life, progetti sviluppati dall’Università degli Studi di Torino.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *