Breaking News
15 dicembre 2017 - Sky, finale X Factor più vista di sempre
15 dicembre 2017 - A assemblea Mediaset 49,8% capitale
15 dicembre 2017 - Some Canada firms could move to U.S. amid NAFTA worries: survey
15 dicembre 2017 - Kremlin: Putin and Trump agreed to exchange information on North Korea
15 dicembre 2017 - Ryanair to recognize unions in historic shift to stop strike
15 dicembre 2017 - Tesla largely responsible for slide in U.S. home solar sales: report
15 dicembre 2017 - Mexico plots open trade course to escape Trump's NAFTA threats
15 dicembre 2017 - Chiude Anno Borghi, flussi +12,5% estate
15 dicembre 2017 - Arrestato in Spagna 'Igor', 3 morti
15 dicembre 2017 - Coniugi uccisi: fermato il figlio
15 dicembre 2017 - Istat,per 3 laureati vanno via uno torna
15 dicembre 2017 - Ubi,pm chiede giudizio per i 31 imputati
15 dicembre 2017 - M5S: sindaca Dorgali, sono indagata
15 dicembre 2017 - Family-friendly Disney to bring edgier Fox fare to streaming video
15 dicembre 2017 - Transneft says its computers were used for mining cryptocurrency
15 dicembre 2017 - Svolta Ryanair, riconosce i sindacati
15 dicembre 2017 - Espulso francese, mimò spari contro Cc
15 dicembre 2017 - Rush finale su contratto statali
15 dicembre 2017 - A Ciambra escluso da corsa all'Oscar
15 dicembre 2017 - Borsa: Milano apre negativa (-0,5%)
15 dicembre 2017 - Ex calciatore ucciso, due fermi
15 dicembre 2017 - Documentarian Morgan Spurlock steps down after admitting misconduct
15 dicembre 2017 - Murdoch bets live sports and news will boost new, smaller Fox
15 dicembre 2017 - Republicans join push to lift secrecy around misconduct in Congress
14 dicembre 2017 - U.N. chief presses for release of arrested Reuters journalists in Myanmar
A Torino nasce la nuova Rete di orti urbani

A Torino nasce la nuova Rete di orti urbani

Share

Deborah Pedone | Si è tenuta domenica 8 ottobre, a casa Ozanam, la presentazione della neonata Rete Metropolitana degli Orti Urbani torinesi, proposta da OrMe, il gruppo informale che raccoglie le tante esperienze di orti urbani attivi in città. A coordinare l’evento è stata Elena Carmagnani, fondatrice di OrtiAlti, il progetto che trasforma i tetti in spazi da coltivare.

L’orto alto di casa Ozanam è rimasto aperto al pubblico per mostrare la grande soddisfazione, ma anche il duro lavoro, che questo progetto comporta. Per gli ortolani della Circoscrizione 5 è stata una vera festa, cominciata alle con le prime visite agli orti della Circoscrizione. «L’orto è condivisione, è un luogo in cui si incontrano diverse nazionalità, si realizza l’integrazione» ha detto l’assessore all’Ambiente della Città di Torino, Alberto Unia in apertura dell’incontro.

Torino è una delle città più avanzate in questo ambito: nel 1986 fu la prima città a regolamentare la nascita degli orti metropolitani. E sono numerosi ancora oggi, tutti con un’impronta personale ed esperienze diverse che OrMe vuole unire. A raccontare il cammino che ha portato all’idea della mappatura è stato Davide Lobue, naturalista e apicoltore, presidente dell’Associazione Parco del Nobile. La Rete vuole creare un progetto comune con obiettivi chiari, prima di tutto dando vita a una vera anagrafe degli orti della città, aiutando a risolvere i problemi della gestione quotidiana. Il passo successivo sarà garantire le competenze necessarie, attraverso corsi di formazione, per realizzare nuovi progetti come la collaborazione con le scuole.

Sarà così possibile creare momenti di incontro e scambio culturale, avvicinando soprattutto i bambini alla manualità e insegnando al tempo stesso una buona educazione ambientale. Tra le proposte degli ortolani della città, alcune sono già state messe in pratica, a cominciare con l’ortoterapia e con specifici programmi di lavoro con persone diversamente abili. Una proposta, questa, che risulta utile soprattutto alla salvaguardia di aree della città che vanno recuperate.

L’idea è stata meditata a lungo, a partire dal giugno 2016 ed è stata supportata dalla Compagnia San Paolo, in collaborazione con Atlante del Cibo e First Life, progetti sviluppati dall’Università degli Studi di Torino.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *