Breaking News
20 novembre 2017 - Draghi, soluzione Npl no solo per nuovi
20 novembre 2017 - Draghi, ripresa solida
20 novembre 2017 - Coco, un ponte per superare divisioni
20 novembre 2017 - Steinmeier ai partiti, formate governo
20 novembre 2017 - Spd esclude Grosse Koalition con Merkel
20 novembre 2017 - 'Accordo Mugabe-militari su dimissioni'
20 novembre 2017 - Manovra: Tajani, tassare giganti del web
20 novembre 2017 - Figc, Tavecchio si è dimesso
20 novembre 2017 - Marito e moglie trovati sgozzati
20 novembre 2017 - Pisapia, premier condiviso e dopo urne
20 novembre 2017 - Orlando, Mdp vuol parlare? Meglio adesso
20 novembre 2017 - U.S. marine accused of drunk driving after Japanese man dies in crash
20 novembre 2017 - Regione Basilicata: PRESENTATO NUOVO PIANO MITIGAZIONE DISSESTO IDROGEOLOGICO
20 novembre 2017 - Fassino: non mi rassegno a no di Bersani
20 novembre 2017 - Zimbabwe's ZANU-PF sets Mugabe impeachment ball rolling
20 novembre 2017 - Turchia: 945 arresti per terrorismo
20 novembre 2017 - Riina: nulla osta trasferimento salma
20 novembre 2017 - Libano: media, Hariri domani al Cairo
20 novembre 2017 - Ema: Malta e Zagabria si ritirano
20 novembre 2017 - Soros says Hungarian government lying in attacks against him
20 novembre 2017 - Justice League debutta in vetta Cinetel
20 novembre 2017 - Politica: GENTILONI "ITALIA TORNATA A CRESCERE"
20 novembre 2017 - Putin plan to rejuvenate Russian politics makes slow progress
20 novembre 2017 - Sport: ROSSI "RITIRO MI SPAVENTA, MOTOGP TUTTA LA MIA VITA"
20 novembre 2017 - Gentiloni, fuori da Eurozona no praterie
Trump e la fine dell’American Dream, il nuovo saggio di Sergio Romano

Trump e la fine dell’American Dream, il nuovo saggio di Sergio Romano

Share

Redazione | Forte della sua esperienza internazionale come ambasciatore alla NATO, Sergio Romano analizza la figura del nuovo presidente degli Stati Uniti a quasi un anno dalla data di elezione ­­­­­– partendo dalle origini della sua ascesa imprenditoriale e politica e passando in rassegna le minacce e le promesse rivolte in questi anni ai cittadini americani – per cercare di capire quale sarà il futuro degli Stati Uniti sotto la sua guida.

L’uomo che ha vinto le elezioni presidenziali nel novembre 2016 è il più vecchio di tutti i suoi predecessori, ma è anche un presidente post-moderno che ha saputo utilizzare abilmente le tecniche del mondo digitale e le seduzioni della televisione. Nato come industriale e divenuto un noto magnate della finanza capace di dar vita soprattutto a lusso e svago, Donald Trump ha condotto una campagna elettorale complessa e controversa, spesso rovesciando da un giorno all’altro le proprie posizioni. Nessun presidente prima di lui è stato così tanto attaccato dall’opinione pubblica internazionale e criticato apertamente in patria dalle figure più in vista del panorama politico, sociale e televisivo. Ma pochi uomini sono stati osannati dalla folla di sostenitori e sono stati in grado di infiammarne tanto positivamente gli animi. Donald Trump è diventato una figura di primo piano sul campo internazionale, ma sarà in grado di sacrificare i propri interessi personali e consacrarsi a quelli della nazione?

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *