Breaking News
21 gennaio 2018 - Maxiconto turisti:Brugnaro,punire autori
21 gennaio 2018 - German SPD votes for coalition talks with Merkel
21 gennaio 2018 - Slimane direttore creativo di Celine
21 gennaio 2018 - Schulz sollevato, discuterò con critici
21 gennaio 2018 - Federscherma: FIORETTISTI AZZURRI SECONDI IN COPPA DEL MONDO A PARIGI
21 gennaio 2018 - Contrite Facebook executives seek to ward off more European rules
21 gennaio 2018 - M5S,in programma non c'è referendum euro
21 gennaio 2018 - Turkish forces push into Syria, clash with Kurdish militia
21 gennaio 2018 - Fiction Francese, Gds diffida produzione
21 gennaio 2018 - Heavy casualties after overnight battle at Kabul hotel
21 gennaio 2018 - Gentiloni, sì Spd è passo avanti per Ue
21 gennaio 2018 - Shutdown, Trump suggerisce cambio regole
21 gennaio 2018 - Trump urges change to Senate rule as shutdown enters second day
21 gennaio 2018 - Serie A: cinquina Lazio,vince il Crotone
21 gennaio 2018 - Lega: turnazione Napoli-Juventus pari
21 gennaio 2018 - Dolomiti in Tv, Angela dimentica Veneto
21 gennaio 2018 - Scala, i primi quarant'anni di Chailly
21 gennaio 2018 - Elezioni: Viminale,98 simboli presentati
21 gennaio 2018 - Spd vota sì al governo con Merkel
21 gennaio 2018 - At least 19 dead after overnight battle at Kabul hotel
21 gennaio 2018 - Papa in Perù: a Lima incontra detenuti
21 gennaio 2018 - Abusa figlia 14enne, indagato 54enne
21 gennaio 2018 - Amazon's automated grocery store of the future opens Monday
21 gennaio 2018 - Turkish forces push into Syria, Kurdish militia says attacks repulsed
21 gennaio 2018 - D'Alema, non capisco scelta Bonino
Dalla Sicilia con furore: ovvero il Centrodestra verso il governo della Sicilia

Dalla Sicilia con furore: ovvero il Centrodestra verso il governo della Sicilia

Share

Giorgio Diaferia | Alla fine quello che un po’ tutti avevano ipotizzato, forse fatti salvi Renzi, Gentiloni ed Orfini, ovvero una grave batosta elettorale per il PD in Sicilia, è avvenuto. Pare molto probabile la vittoria di Fabrizio Miccari candidato del centro destra. Certo un peso l’ha avuta la separazione della Sinistra dal PD in una campagna elettorale che spesso ha registrato da parte della coalizione che appoggiava Claudio Fava, toni più aggressivi e polemici verso gli ex alleati di centro sinistra che verso gli altri partiti. Dalema ri-diventato comunista per l’intolleranza a Renzi ed al suo modo di governare ha suonato la carica ed il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Dunque Berlusconi-Salvini-Meloni insieme e vincenti. Molto bene sono anche andati i 5 Stelle, che da soli hanno un risultato pari o quasi alla coalizione di centrodestra e non è detta ancora l’ultima parola. Ed ora cosa accadrà alle politiche di marzo? Uniti si può vincere a destra come a sinistra e rappresentare quindi una alternativa al Movimento 5 Stelle. Diversamente saranno sempre e solo sonore sconfitte, con un bel sorriso di Beppe Grillo. Facciano un po’ lor signori.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *