Breaking News
20 novembre 2017 - Draghi, soluzione Npl no solo per nuovi
20 novembre 2017 - Draghi, ripresa solida
20 novembre 2017 - Coco, un ponte per superare divisioni
20 novembre 2017 - Steinmeier ai partiti, formate governo
20 novembre 2017 - Spd esclude Grosse Koalition con Merkel
20 novembre 2017 - 'Accordo Mugabe-militari su dimissioni'
20 novembre 2017 - Manovra: Tajani, tassare giganti del web
20 novembre 2017 - Figc, Tavecchio si è dimesso
20 novembre 2017 - Marito e moglie trovati sgozzati
20 novembre 2017 - Pisapia, premier condiviso e dopo urne
20 novembre 2017 - Orlando, Mdp vuol parlare? Meglio adesso
20 novembre 2017 - U.S. marine accused of drunk driving after Japanese man dies in crash
20 novembre 2017 - Regione Basilicata: PRESENTATO NUOVO PIANO MITIGAZIONE DISSESTO IDROGEOLOGICO
20 novembre 2017 - Fassino: non mi rassegno a no di Bersani
20 novembre 2017 - Zimbabwe's ZANU-PF sets Mugabe impeachment ball rolling
20 novembre 2017 - Turchia: 945 arresti per terrorismo
20 novembre 2017 - Riina: nulla osta trasferimento salma
20 novembre 2017 - Libano: media, Hariri domani al Cairo
20 novembre 2017 - Ema: Malta e Zagabria si ritirano
20 novembre 2017 - Soros says Hungarian government lying in attacks against him
20 novembre 2017 - Justice League debutta in vetta Cinetel
20 novembre 2017 - Politica: GENTILONI "ITALIA TORNATA A CRESCERE"
20 novembre 2017 - Putin plan to rejuvenate Russian politics makes slow progress
20 novembre 2017 - Sport: ROSSI "RITIRO MI SPAVENTA, MOTOGP TUTTA LA MIA VITA"
20 novembre 2017 - Gentiloni, fuori da Eurozona no praterie
Dalla Sicilia con furore: ovvero il Centrodestra verso il governo della Sicilia

Dalla Sicilia con furore: ovvero il Centrodestra verso il governo della Sicilia

Share

Giorgio Diaferia | Alla fine quello che un po’ tutti avevano ipotizzato, forse fatti salvi Renzi, Gentiloni ed Orfini, ovvero una grave batosta elettorale per il PD in Sicilia, è avvenuto. Pare molto probabile la vittoria di Fabrizio Miccari candidato del centro destra. Certo un peso l’ha avuta la separazione della Sinistra dal PD in una campagna elettorale che spesso ha registrato da parte della coalizione che appoggiava Claudio Fava, toni più aggressivi e polemici verso gli ex alleati di centro sinistra che verso gli altri partiti. Dalema ri-diventato comunista per l’intolleranza a Renzi ed al suo modo di governare ha suonato la carica ed il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Dunque Berlusconi-Salvini-Meloni insieme e vincenti. Molto bene sono anche andati i 5 Stelle, che da soli hanno un risultato pari o quasi alla coalizione di centrodestra e non è detta ancora l’ultima parola. Ed ora cosa accadrà alle politiche di marzo? Uniti si può vincere a destra come a sinistra e rappresentare quindi una alternativa al Movimento 5 Stelle. Diversamente saranno sempre e solo sonore sconfitte, con un bel sorriso di Beppe Grillo. Facciano un po’ lor signori.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *