Breaking News
20 novembre 2017 - Draghi, soluzione Npl no solo per nuovi
20 novembre 2017 - Draghi, ripresa solida
20 novembre 2017 - Coco, un ponte per superare divisioni
20 novembre 2017 - Steinmeier ai partiti, formate governo
20 novembre 2017 - Spd esclude Grosse Koalition con Merkel
20 novembre 2017 - 'Accordo Mugabe-militari su dimissioni'
20 novembre 2017 - Manovra: Tajani, tassare giganti del web
20 novembre 2017 - Figc, Tavecchio si è dimesso
20 novembre 2017 - Marito e moglie trovati sgozzati
20 novembre 2017 - Pisapia, premier condiviso e dopo urne
20 novembre 2017 - Orlando, Mdp vuol parlare? Meglio adesso
20 novembre 2017 - U.S. marine accused of drunk driving after Japanese man dies in crash
20 novembre 2017 - Regione Basilicata: PRESENTATO NUOVO PIANO MITIGAZIONE DISSESTO IDROGEOLOGICO
20 novembre 2017 - Fassino: non mi rassegno a no di Bersani
20 novembre 2017 - Zimbabwe's ZANU-PF sets Mugabe impeachment ball rolling
20 novembre 2017 - Turchia: 945 arresti per terrorismo
20 novembre 2017 - Riina: nulla osta trasferimento salma
20 novembre 2017 - Libano: media, Hariri domani al Cairo
20 novembre 2017 - Ema: Malta e Zagabria si ritirano
20 novembre 2017 - Soros says Hungarian government lying in attacks against him
20 novembre 2017 - Justice League debutta in vetta Cinetel
20 novembre 2017 - Politica: GENTILONI "ITALIA TORNATA A CRESCERE"
20 novembre 2017 - Putin plan to rejuvenate Russian politics makes slow progress
20 novembre 2017 - Sport: ROSSI "RITIRO MI SPAVENTA, MOTOGP TUTTA LA MIA VITA"
20 novembre 2017 - Gentiloni, fuori da Eurozona no praterie
I giorni del fango, l’alluvione del 1994

I giorni del fango, l’alluvione del 1994

Share

JB | VIDEO | Sono passati ventitré anni dal 6 novembre del 1994, il giorno dell’alluvione che devastò il Basso Piemonte. A finire sott’acqua e nel fango le province di Alessandria, Asti, Cuneo e in parte anche Torino. Settanta i morti e 2.300 gli sfollati. Ventimila miliardi di lire i danni. In appena 48 ore, tra sabato 5 e domenica 6 novembre, caddero 600mm di pioggia. Allora non si usava ancora, come oggi, il termine “bombe d’acqua”, ma il risultato fu lo stesso. La pioggia iniziò il 2 novembre, continuò il 3 e il 4 e aumentò nella notte del 5 novembre, quando iniziarono le esondazioni e le frane. Le precipitazioni causarono un’ondata di piena del fiume Tanaro che da Garessio (CN) scese a valle, trascinando con sé tutto ciò che incontrava sul suo cammino.

Un’ondata che non si fermò neanche una volta arrivata in pianura: anzi, proseguì e nella mattina del 7 novembre raggiunse il Po. Ad Asti, Alba e Alessandria l’ampiezza della piena del Tanaro toccò i 4.000 metri cubi al secondo: metà di Alessandria fu sommersa e morirono 14 persone. Danni anche tra Ceva e Cherasco (CN), alla confluenza con la Stura di Demonte. Anche la portata del Belbo, un torrente affluente del Tanaro, raggiunse livelli mai registrati: 1.330 metri cubi al secondo, il 220% in più del normale. Qui la piena cambiò la fisionomia stessa del corso d’acqua, scaricandosi su Canelli, Santo Stefano, Cossano, Incisa Scapaccino e Rocchetta. A Canelli i morti, travolti dall’acqua, furono tre. Dall’inondazione si salvò solo Nizza Monferrato, toccata marginalmente dall’ondata di piena. A causa delle intense piogge il livello del Po crebbe notevolmente, anche per l’eccezionale apporto d’acqua dei fiumi Orco e Dora Baltea. L’ondata di piena a Chivasso fece crollare il ponte sul Po; Trino Vercellese venne sommersa e venne danneggiata anche la centrale nucleare.

Oltre ai morti, al disastro, ai danni l’alluvione del 1994 fece riscoprire a tutta Italia il sentimento della solidarietà, con i tanti volontari che arrivarono in Piemonte per spalare fango, portare via macerie e aiutare chi in una notte di pioggia aveva perso tutto. Una solidarietà anche istituzionale, come nel caso del Comune di Ferrara che prestò i suoi autobus al Comune di Alessandria, rimasta senza mezzi per il trasporto pubblico. L’alluvione portò con sé anche la consapevolezza che in Italia serviva una nuova cultura della Protezione Civile.

Nel corso di quasi 25 anni, però, poco si è fatto per cambiare la situazione. Lo ha denunciato Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi: «abbiamo fatto poco per rendere sicuro il territorio e più moderno questo Paese, ma abbiamo continuato solo ad inseguire le emergenze e a spendere capitali ingentissimi per tamponare le emergenze, condendo il tutto con qualche condono edilizio». L’Italia resta una nazione a rischio di dissesto idrogeologico, per la sua conformazione idrografica e orografica e soprattutto per l’incuria e lo sfruttamento del territorio. Dal 1994 «sono cambiate molte cose -ha detto pochi giorni fa il sindaco di Clavesana Luigi Gallo durante la cerimonia in ricordo delle vittime dell’alluvione- l’anno scorso abbiamo avuto una nuova alluvione, è arrivata più acqua di allora ma il territorio ha retto, e soprattutto non ci sono state vittime, eppure dobbiamo lavorare ancora molto perché il fiume sia realmente sicuro».

Guarda il video racconto dell’alluvione

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *