Breaking News
21 gennaio 2018 - Maxiconto turisti:Brugnaro,punire autori
21 gennaio 2018 - German SPD votes for coalition talks with Merkel
21 gennaio 2018 - Slimane direttore creativo di Celine
21 gennaio 2018 - Schulz sollevato, discuterò con critici
21 gennaio 2018 - Federscherma: FIORETTISTI AZZURRI SECONDI IN COPPA DEL MONDO A PARIGI
21 gennaio 2018 - Contrite Facebook executives seek to ward off more European rules
21 gennaio 2018 - M5S,in programma non c'è referendum euro
21 gennaio 2018 - Turkish forces push into Syria, clash with Kurdish militia
21 gennaio 2018 - Fiction Francese, Gds diffida produzione
21 gennaio 2018 - Heavy casualties after overnight battle at Kabul hotel
21 gennaio 2018 - Gentiloni, sì Spd è passo avanti per Ue
21 gennaio 2018 - Shutdown, Trump suggerisce cambio regole
21 gennaio 2018 - Trump urges change to Senate rule as shutdown enters second day
21 gennaio 2018 - Serie A: cinquina Lazio,vince il Crotone
21 gennaio 2018 - Lega: turnazione Napoli-Juventus pari
21 gennaio 2018 - Dolomiti in Tv, Angela dimentica Veneto
21 gennaio 2018 - Scala, i primi quarant'anni di Chailly
21 gennaio 2018 - Elezioni: Viminale,98 simboli presentati
21 gennaio 2018 - Spd vota sì al governo con Merkel
21 gennaio 2018 - At least 19 dead after overnight battle at Kabul hotel
21 gennaio 2018 - Papa in Perù: a Lima incontra detenuti
21 gennaio 2018 - Abusa figlia 14enne, indagato 54enne
21 gennaio 2018 - Amazon's automated grocery store of the future opens Monday
21 gennaio 2018 - Turkish forces push into Syria, Kurdish militia says attacks repulsed
21 gennaio 2018 - D'Alema, non capisco scelta Bonino
Collegi, più fondi per le strutture

Collegi, più fondi per le strutture

Share

Simone Panero | La vita in collegio è basata su un aiuto reciproco, lavori di gruppo e amicizie spontanee, si condivide la vita quotidiana in modo regolare e c’è grande entusiasmo dal punto di vista umano. Il collegio universitario è un luogo di confronto con studenti di altre facoltà ed “è una scuola di socializzazione” (Umberto Eco). A Torino sono presenti due grandi realtà: il Collegio Renato Einaudi suddiviso in 5 sezioni e il Camplus Lingotto della fondazione CEUR, una residenza universitaria dotata di tutor specializzati, corsi di lingua e career services (percorsi individuali e di gruppo per scoprire la propria vocazione professionale).

L’Einaudi, eccellenza dal 1935, propone la sezione Crocetta, Mole Antonelliana, Po, San Paolo e Valentino, ricoprendo così tutta l’area accademica torinese, dalle facoltà umanistiche a quelle scientifiche e tecnologiche. Offre servizi agli studenti per massimizzare il loro rendimento negli studi, servizi per migliorare la qualità della vita e formazione complementare. Si può risiedere in collegio in base a graduatorie e si mantiene il posto secondo determinati requisiti di merito. Il Collegio promuove anche attività sportive in collaborazione con il CUS Torino, attività formative e culturali. EDISU Piemonte gestisce inoltre 20 residenze universitarie in regione, aperte 11 mesi all’anno, che sono ambienti ideali per lo studio e per il confronto diretto con altre culture. Nelle strutture abitative gli studenti possono usufruire di servizi interni in relazione alla tipologia di residenza ospitante.

La domanda di borse di studio e di letti è in costante aumento, sono sempre di più gli studenti che rimangono esclusi dall’assegnazione, seppur completamente idonei. Il dato è in aumento del 24%, a Torino hanno diritto ad un posto letto 5063 studenti ma ben 1572 sono rimasti esclusi, solo nel Lazio e in Puglia riscontriamo risultati analoghi. Gli studenti fuori sede con un basso profilo isee si ritrovano a fronteggiare un problema non da poco e sono costretti a ricercare affitti che molto spesso diventano proibitivi. Secondo Andrea Torti, responsabile di Link coordinamento universitario: «È chiara l’urgenza di politiche di rifinanziamento nel diritto allo studio, a partire da un investimento ingente di fondi in legge di bilancio, per garantire non solo la copertura, ma anche la qualità del servizio, tale da non mettere le studentesse e gli studenti nella posizione di dover abbandonare gli studi a percorso iniziato, a causa dell’insostenibilità economica delle spese che di diritto lo Stato dovrebbe coprire». Mancano i fondi per il rinnovamento delle abitazioni e dei posti letto, EDISU deve risolvere quella che ormai sta diventando un’emergenza nazionale.

È prevista una nuova ondata di proteste e scioperi per il 24 novembre, a Torino l’azione parte dal Politecnico (assemblea in Corso Duca). Docenti, professori universitari e studenti sono invitati al confronto per il sostegno dell’Università pubblica che fatica a garantire il diritto allo studio a causa delle scarsità delle risorse. I posti nelle residenze universitarie non bastano per tutti e molti sono costretti a studiare fuori sede.

Per scoprire la mappa dei collegi e delle residenze universitarie visita il sito dei Collegi universitari e il sito di Edisu.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *