Breaking News
20 novembre 2017 - Draghi, soluzione Npl no solo per nuovi
20 novembre 2017 - Draghi, ripresa solida
20 novembre 2017 - Coco, un ponte per superare divisioni
20 novembre 2017 - Steinmeier ai partiti, formate governo
20 novembre 2017 - Spd esclude Grosse Koalition con Merkel
20 novembre 2017 - 'Accordo Mugabe-militari su dimissioni'
20 novembre 2017 - Manovra: Tajani, tassare giganti del web
20 novembre 2017 - Figc, Tavecchio si è dimesso
20 novembre 2017 - Marito e moglie trovati sgozzati
20 novembre 2017 - Pisapia, premier condiviso e dopo urne
20 novembre 2017 - Orlando, Mdp vuol parlare? Meglio adesso
20 novembre 2017 - U.S. marine accused of drunk driving after Japanese man dies in crash
20 novembre 2017 - Regione Basilicata: PRESENTATO NUOVO PIANO MITIGAZIONE DISSESTO IDROGEOLOGICO
20 novembre 2017 - Fassino: non mi rassegno a no di Bersani
20 novembre 2017 - Zimbabwe's ZANU-PF sets Mugabe impeachment ball rolling
20 novembre 2017 - Turchia: 945 arresti per terrorismo
20 novembre 2017 - Riina: nulla osta trasferimento salma
20 novembre 2017 - Libano: media, Hariri domani al Cairo
20 novembre 2017 - Ema: Malta e Zagabria si ritirano
20 novembre 2017 - Soros says Hungarian government lying in attacks against him
20 novembre 2017 - Justice League debutta in vetta Cinetel
20 novembre 2017 - Politica: GENTILONI "ITALIA TORNATA A CRESCERE"
20 novembre 2017 - Putin plan to rejuvenate Russian politics makes slow progress
20 novembre 2017 - Sport: ROSSI "RITIRO MI SPAVENTA, MOTOGP TUTTA LA MIA VITA"
20 novembre 2017 - Gentiloni, fuori da Eurozona no praterie
Collegi, più fondi per le strutture

Collegi, più fondi per le strutture

Share

Simone Panero | La vita in collegio è basata su un aiuto reciproco, lavori di gruppo e amicizie spontanee, si condivide la vita quotidiana in modo regolare e c’è grande entusiasmo dal punto di vista umano. Il collegio universitario è un luogo di confronto con studenti di altre facoltà ed “è una scuola di socializzazione” (Umberto Eco). A Torino sono presenti due grandi realtà: il Collegio Renato Einaudi suddiviso in 5 sezioni e il Camplus Lingotto della fondazione CEUR, una residenza universitaria dotata di tutor specializzati, corsi di lingua e career services (percorsi individuali e di gruppo per scoprire la propria vocazione professionale).

L’Einaudi, eccellenza dal 1935, propone la sezione Crocetta, Mole Antonelliana, Po, San Paolo e Valentino, ricoprendo così tutta l’area accademica torinese, dalle facoltà umanistiche a quelle scientifiche e tecnologiche. Offre servizi agli studenti per massimizzare il loro rendimento negli studi, servizi per migliorare la qualità della vita e formazione complementare. Si può risiedere in collegio in base a graduatorie e si mantiene il posto secondo determinati requisiti di merito. Il Collegio promuove anche attività sportive in collaborazione con il CUS Torino, attività formative e culturali. EDISU Piemonte gestisce inoltre 20 residenze universitarie in regione, aperte 11 mesi all’anno, che sono ambienti ideali per lo studio e per il confronto diretto con altre culture. Nelle strutture abitative gli studenti possono usufruire di servizi interni in relazione alla tipologia di residenza ospitante.

La domanda di borse di studio e di letti è in costante aumento, sono sempre di più gli studenti che rimangono esclusi dall’assegnazione, seppur completamente idonei. Il dato è in aumento del 24%, a Torino hanno diritto ad un posto letto 5063 studenti ma ben 1572 sono rimasti esclusi, solo nel Lazio e in Puglia riscontriamo risultati analoghi. Gli studenti fuori sede con un basso profilo isee si ritrovano a fronteggiare un problema non da poco e sono costretti a ricercare affitti che molto spesso diventano proibitivi. Secondo Andrea Torti, responsabile di Link coordinamento universitario: «È chiara l’urgenza di politiche di rifinanziamento nel diritto allo studio, a partire da un investimento ingente di fondi in legge di bilancio, per garantire non solo la copertura, ma anche la qualità del servizio, tale da non mettere le studentesse e gli studenti nella posizione di dover abbandonare gli studi a percorso iniziato, a causa dell’insostenibilità economica delle spese che di diritto lo Stato dovrebbe coprire». Mancano i fondi per il rinnovamento delle abitazioni e dei posti letto, EDISU deve risolvere quella che ormai sta diventando un’emergenza nazionale.

È prevista una nuova ondata di proteste e scioperi per il 24 novembre, a Torino l’azione parte dal Politecnico (assemblea in Corso Duca). Docenti, professori universitari e studenti sono invitati al confronto per il sostegno dell’Università pubblica che fatica a garantire il diritto allo studio a causa delle scarsità delle risorse. I posti nelle residenze universitarie non bastano per tutti e molti sono costretti a studiare fuori sede.

Per scoprire la mappa dei collegi e delle residenze universitarie visita il sito dei Collegi universitari e il sito di Edisu.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *