Breaking News
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile programme will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Grillo, è emergenza. Circondiamo Senato
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Monti, non sorpreso da Renzi
19 ottobre 2017 - Maroni, trattativa prima delle politiche
19 ottobre 2017 - Spain threatens Catalonia with direct rule from Madrid
19 ottobre 2017 - Ardern to be next NZ prime minister, spelling big change for economy
19 ottobre 2017 - Cannabis, ok da Camera a uso medico
19 ottobre 2017 - P.Chigi, autonomia Bankitalia tutelata
19 ottobre 2017 - Don Pallù a Firenze, accolto da canti
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure: agency
19 ottobre 2017 - Pakistani anti-corruption court indicts ousted PM Sharif and daughter
19 ottobre 2017 - Spain to trigger suspension of Catalan autonomy on Saturday
19 ottobre 2017 - Abertis, offerta Atlantia migliorabile
19 ottobre 2017 - Taliban kill at least 43 Afghan troops as they storm base: officials
19 ottobre 2017 - New Zealand Labour to form next government with support of small nationalist party
19 ottobre 2017 - Borsa: Milano apre piatta (-0,05%)
19 ottobre 2017 - 'Nowhere to hide': North Korean missiles spur anxiety in Japan fishing town
19 ottobre 2017 - Borsa: Tokyo, chiusura in rialzo,+0,40%
19 ottobre 2017 - China economy shows solid momentum as party meets, but property curbs bite
19 ottobre 2017 - Cina: rallenta Pil III trimestre a +6,8%
19 ottobre 2017 - Thirty years ago this week, Wall Street slid into the abyss
19 ottobre 2017 - Senate poised for crucial vote related to tax reform measure
19 ottobre 2017 - China's third-quarter economic growth slows as expected, property measures bite
19 ottobre 2017 - China suggests Xi's political ideology to be elevated in party constitution
19 ottobre 2017 - China third-quarter GDP growth slows as expected, property measures bite
Basta con gli sprechi, anche a tavola

Basta con gli sprechi, anche a tavola

Share

di Jacopo Bianchi – In Italia si spreca troppo cibo. Ogni anno finiscono nella pattumiera più di 5 milioni di tonnellate di generi alimentari ancora sani e commestibili. Di queste almeno 185mila tonnellate arrivano dai tavoli dei ristoranti, gli avanzi che nessuno consuma e che alla fine vengono gettati via. I numeri sono quelli di una recente indagine resa nota durante l’Expo di Milano e hanno ancora più peso se solo pensiamo che nel mondo un miliardo di persone soffre la fame. Eppure, un modo per non lasciare porzioni a metà esiste: portare a casa quello che non si mangia. La pensano così gli ideatori di Malvida, una startup nata per produrre e commercializzare scatole per il cibo avanzato nei ristoranti e per il take away.

_MMS5614 RidIl progetto si chiama reBox: un contenitore riciclabile per alimenti, adatto alla conservazione in frigorifero e alla preparazione nel microonde. Un’idea etica ed ecologica al tempo stesso, pensata perché i ristoratori possano offrire alla clientela un servizio in più. Lo spiega Marco Lei, responsabile commerciale di Malvida intervenuto ai microfoni di MarcoPolo su RadioLDC95: «non potendo entrare nelle case delle persone abbiamo deciso di rivolgerci al mercato della ristorazione. In Italia sta prendendo sempre più piede la buona abitudine di richiedere al ristoratore di portare a casa ciò che non si è terminato». E se spesso ci si vergogna un po’ ad uscire con il pacchettino sottobraccio l’idea della Malvida potrebbe toglierci dall’imbarazzo, trasformando un preconcetto in un gesto elegante. Perché anche l’occhio vuole la sua parte: spesso il cibo viene consegnato dentro  una shopper di plastica e questo non incentiva minimamente le buone abitudini. Ancora Marco Lei: «molti si vergognano di uscire con il cibo sottobraccio, reBox è stilisticamente più accattivante e porta con sé un progetto concreto». Per questo motivo i temi e la grafica dei contenitori verranno commissionati a giovani artisti emergenti: la prima edizione porta la firma di Andrea Aste, talentuoso artista torinese.

A oggi sono già una decina i locali tra Torino e Milano ad aver aderito all’iniziativa. Grazie a loro reBox ha potuto devolvere una parte del ricavato ad Azione contro la Fame, un’associazione umanitaria a livello internazionale impegnata a combattere la malnutrizione infantile in 47 paesi del mondo. Per ciascuna reBox acquistata (e consegnata gratuitamente ai clienti) i ristoranti contribuiscono a donare cibo terapeutico, vaccini, antibiotici e vitamine.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *