Breaking News
20 agosto 2017 - Barcellona: morto bimbo australiano
20 agosto 2017 - Federscherma: MARZANI VINCE IL BRONZO ALLE UNIVERSIADI DI TAIPEI
20 agosto 2017 - Parolin a Mosca, segno cammino ritrovato
20 agosto 2017 - U.S. national monument review to test key land protection law
20 agosto 2017 - Domenica da "bollino rosso" verso città
20 agosto 2017 - Spacey, i terroristi? perdenti isolati
20 agosto 2017 - Barcellona: zio di Marta, sta reagendo
20 agosto 2017 - Sport: DAVIES FA BIS IN GERMANIA, SUA GARA 2 DAVANTI A REA
20 agosto 2017 - Sport: BLENGINI SCEGLIE CONVOCATI PER EUROPEI IN POLONIA
20 agosto 2017 - Thousands protest in Hong Kong over jailing of democracy activists
20 agosto 2017 - Muore giovane in ospedale: padre, ucciso
20 agosto 2017 - Politica: MUORE IN CODICE ROSSO, LORENZIN INVIA TASK FORCE
20 agosto 2017 - Papa, Dio ci liberi da disumana violenza
20 agosto 2017 - Tunisini tentano sequestro peschereccio
20 agosto 2017 - Vaticano, controlli serrati per Angelus
20 agosto 2017 - Police says one man still sought after Barcelona attacks
20 agosto 2017 - Sport: HALEP IN FINALE CINCINNATI, PUÒ DIVENTARE NUOVA N.1
20 agosto 2017 - Politica: LIBIA, SERRAJ: "UE DEVE AIUTARCI"
20 agosto 2017 - Bankruptcy fight over Oncor to test Warren Buffett's discipline
20 agosto 2017 - 'Spari a Nimes',poi Prefettura smentisce
20 agosto 2017 - U.S. warship Indianapolis found 18,000 feet deep in Pacific Ocean
20 agosto 2017 - U.S. did not detail request for auto rules of origin at NAFTA talks: source
20 agosto 2017 - Unwavering Trump voters say they will not miss Steve Bannon
20 agosto 2017 - Mnuchin tells Yale classmates: Trump does not equate neo-Nazis with peaceful protesters
20 agosto 2017 - Serie A: Verona-Napoli 1-3
Basta con gli sprechi, anche a tavola

Basta con gli sprechi, anche a tavola

Share

di Jacopo Bianchi – In Italia si spreca troppo cibo. Ogni anno finiscono nella pattumiera più di 5 milioni di tonnellate di generi alimentari ancora sani e commestibili. Di queste almeno 185mila tonnellate arrivano dai tavoli dei ristoranti, gli avanzi che nessuno consuma e che alla fine vengono gettati via. I numeri sono quelli di una recente indagine resa nota durante l’Expo di Milano e hanno ancora più peso se solo pensiamo che nel mondo un miliardo di persone soffre la fame. Eppure, un modo per non lasciare porzioni a metà esiste: portare a casa quello che non si mangia. La pensano così gli ideatori di Malvida, una startup nata per produrre e commercializzare scatole per il cibo avanzato nei ristoranti e per il take away.

_MMS5614 RidIl progetto si chiama reBox: un contenitore riciclabile per alimenti, adatto alla conservazione in frigorifero e alla preparazione nel microonde. Un’idea etica ed ecologica al tempo stesso, pensata perché i ristoratori possano offrire alla clientela un servizio in più. Lo spiega Marco Lei, responsabile commerciale di Malvida intervenuto ai microfoni di MarcoPolo su RadioLDC95: «non potendo entrare nelle case delle persone abbiamo deciso di rivolgerci al mercato della ristorazione. In Italia sta prendendo sempre più piede la buona abitudine di richiedere al ristoratore di portare a casa ciò che non si è terminato». E se spesso ci si vergogna un po’ ad uscire con il pacchettino sottobraccio l’idea della Malvida potrebbe toglierci dall’imbarazzo, trasformando un preconcetto in un gesto elegante. Perché anche l’occhio vuole la sua parte: spesso il cibo viene consegnato dentro  una shopper di plastica e questo non incentiva minimamente le buone abitudini. Ancora Marco Lei: «molti si vergognano di uscire con il cibo sottobraccio, reBox è stilisticamente più accattivante e porta con sé un progetto concreto». Per questo motivo i temi e la grafica dei contenitori verranno commissionati a giovani artisti emergenti: la prima edizione porta la firma di Andrea Aste, talentuoso artista torinese.

A oggi sono già una decina i locali tra Torino e Milano ad aver aderito all’iniziativa. Grazie a loro reBox ha potuto devolvere una parte del ricavato ad Azione contro la Fame, un’associazione umanitaria a livello internazionale impegnata a combattere la malnutrizione infantile in 47 paesi del mondo. Per ciascuna reBox acquistata (e consegnata gratuitamente ai clienti) i ristoranti contribuiscono a donare cibo terapeutico, vaccini, antibiotici e vitamine.

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *