Breaking News
20 novembre 2017 - Draghi, soluzione Npl no solo per nuovi
20 novembre 2017 - Draghi, ripresa solida
20 novembre 2017 - Coco, un ponte per superare divisioni
20 novembre 2017 - Steinmeier ai partiti, formate governo
20 novembre 2017 - Spd esclude Grosse Koalition con Merkel
20 novembre 2017 - 'Accordo Mugabe-militari su dimissioni'
20 novembre 2017 - Manovra: Tajani, tassare giganti del web
20 novembre 2017 - Figc, Tavecchio si è dimesso
20 novembre 2017 - Marito e moglie trovati sgozzati
20 novembre 2017 - Pisapia, premier condiviso e dopo urne
20 novembre 2017 - Orlando, Mdp vuol parlare? Meglio adesso
20 novembre 2017 - U.S. marine accused of drunk driving after Japanese man dies in crash
20 novembre 2017 - Regione Basilicata: PRESENTATO NUOVO PIANO MITIGAZIONE DISSESTO IDROGEOLOGICO
20 novembre 2017 - Fassino: non mi rassegno a no di Bersani
20 novembre 2017 - Zimbabwe's ZANU-PF sets Mugabe impeachment ball rolling
20 novembre 2017 - Turchia: 945 arresti per terrorismo
20 novembre 2017 - Riina: nulla osta trasferimento salma
20 novembre 2017 - Libano: media, Hariri domani al Cairo
20 novembre 2017 - Ema: Malta e Zagabria si ritirano
20 novembre 2017 - Soros says Hungarian government lying in attacks against him
20 novembre 2017 - Justice League debutta in vetta Cinetel
20 novembre 2017 - Politica: GENTILONI "ITALIA TORNATA A CRESCERE"
20 novembre 2017 - Putin plan to rejuvenate Russian politics makes slow progress
20 novembre 2017 - Sport: ROSSI "RITIRO MI SPAVENTA, MOTOGP TUTTA LA MIA VITA"
20 novembre 2017 - Gentiloni, fuori da Eurozona no praterie
Referendum, la versione Violante-Zagrebelsky

Referendum, la versione Violante-Zagrebelsky

Share

di Jacopo Bianchi | Pochi contenuti, qualche contestazione, tanto mestiere. L’atteso confronto Violante-Zagrebelsky sulla riforma costituzionale andato in scena domenica sera alla Festa dell’Unità di Torino è stato lo specchio di questa Italia che si avvicina al referendum. Votare “si” o votare “no” è sempre più una scelta di campo contro l’avversario piuttosto che a favore di una posizione certa e condivisa.

Il primo ad accorgersene è stato proprio Gustavo Zagrebelsky, immediatamente interrotto da una ragazza della platea, che ha chiesto di esaminare i punti e i contenuti della riforma invece di largheggiare con i preamboli e le introduzioni. Ma a farla comunque da padrone dal palco dell’area dibattiti di Piazza d’Armi è stata una buona dose di politichese mescolata ad una sapiente lezione di diritto costituzionale. Ne è nato un ragionamento su sessant’anni di storia repubblicana e di storia dei partiti politici, durante il quale ha fatto timidamente la sua comparsa anche il disegno di legge di riforma della Costituzione.

È successo quando il discorso è (finalmente) caduto sul tema dei futuri assetti del Senato. Come saranno scelti i nuovi inquilini di Palazzo Madama? In maniera contraddittoria, secondo Zagrebelsky, perché c’è contraddizione già nel testo presentato dal ministro Boschi. “I senatori -ha puntualizzato il professore citando l’articolo 2 della riforma del Senato- saranno eletti dai consigli regionali secondo le scelte degli elettori, quindi con un’ambiguità di fondo su chi farà la scelta con un voto o con una nomina”. Non così per Luciano Violante: “sulla scheda elettorale per il consiglio regionale -ha spiegato l’ex magistrato- gli elettori potranno indicare accanto alla preferenza per il consigliere anche il nome del candidato al Senato che se eletto al consiglio potrà concorre alla seconda elezione”. Il Senato -ha aggiunto Violante- non dovrà più votare la fiducia al governo, cancellando così uno dei motivi di instabilità che hanno portato ad un’alternanza di maggioranze negli ultimi vent’anni. Ma lo stesso Senato avrà una competenza generale sull’attuazione delle politiche comunitarie, motivo questo che lo autorizzerà ad intervenire sugli atti del governo con il rischio -è l’analisi di Zagrebelsky- di rallentare se non addirittura ostacolarne il lavoro.

Insomma, non ne usciamo con le idee più chiare di quando siamo entrati. Come non siamo sicuri che un “no” o un “si” al referendum preservi o deleghi l’autonomia e la sovranità degli italiani a beneficio di chi oggi dall’Europa a certi giornali finanziari chiede un cambio di marcia al nostro Paese. Di una cosa siamo sicuri, che prima o poi voteremo per questa riforma. Quando, però, ancora non si sa.

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *