Breaking News
23 gennaio 2018 - Singer Neil Diamond diagnosed with Parkinson's disease, to retire from touring
23 gennaio 2018 - Haitians stage protest, mock Trump over 'shithole' comments
23 gennaio 2018 - Filippine, eruzione del vulcano Mayon
23 gennaio 2018 - 'Dreamers' disappointed that Congress deferred DACA deal
23 gennaio 2018 - Trump slaps steep U.S. tariffs on imported washers, solar panels
23 gennaio 2018 - Netflix crosses $100 billion market capitalization as subscribers surge
23 gennaio 2018 - Intel asks customers to halt patching for chip bug, citing flaw
23 gennaio 2018 - Government shutdown fizzles on spending, immigration deal in Congress
23 gennaio 2018 - Netflix crosses $100 billion market cap as subscribers surge
23 gennaio 2018 - House passes measure to fund government and end shutdown
23 gennaio 2018 - Judge orders U.S. government to seek consent to give data to AT&T, Time Warner
23 gennaio 2018 - Exclusive: Ackman cuts staff, shuns limelight as he seeks to turn around fund
23 gennaio 2018 - Reuters reporters accused under Official Secrets Act due in Myanmar court
22 gennaio 2018 - Puerto Rico to sell off crippled power utility PREPA
22 gennaio 2018 - Bacardi to buy high-end tequila maker Patron in $5.1 billion deal
22 gennaio 2018 - U.S. government shutdown fizzles out as Senate deal struck
22 gennaio 2018 - Netflix crosses $100 billion market cap on subscriber surge
22 gennaio 2018 - SEC is scrutinizing overnight blockchain companies: chairman
22 gennaio 2018 - Netflix crosses $100 billion market cap on robust subscriber growth
22 gennaio 2018 - Senators forge deal to end government shutdown
22 gennaio 2018 - Five missing after Oklahoma oil and gas drilling site explosion
22 gennaio 2018 - Senators strike deal to end government shutdown
22 gennaio 2018 - Pennsylvania court orders new congressional map due to gerrymandering
22 gennaio 2018 - Body broker who sold diseased remains is convicted of fraud
22 gennaio 2018 - Facebook should pay 'trusted' news publishers carriage fee: Murdoch
Referendum, la versione Violante-Zagrebelsky

Referendum, la versione Violante-Zagrebelsky

Share

di Jacopo Bianchi | Pochi contenuti, qualche contestazione, tanto mestiere. L’atteso confronto Violante-Zagrebelsky sulla riforma costituzionale andato in scena domenica sera alla Festa dell’Unità di Torino è stato lo specchio di questa Italia che si avvicina al referendum. Votare “si” o votare “no” è sempre più una scelta di campo contro l’avversario piuttosto che a favore di una posizione certa e condivisa.

Il primo ad accorgersene è stato proprio Gustavo Zagrebelsky, immediatamente interrotto da una ragazza della platea, che ha chiesto di esaminare i punti e i contenuti della riforma invece di largheggiare con i preamboli e le introduzioni. Ma a farla comunque da padrone dal palco dell’area dibattiti di Piazza d’Armi è stata una buona dose di politichese mescolata ad una sapiente lezione di diritto costituzionale. Ne è nato un ragionamento su sessant’anni di storia repubblicana e di storia dei partiti politici, durante il quale ha fatto timidamente la sua comparsa anche il disegno di legge di riforma della Costituzione.

È successo quando il discorso è (finalmente) caduto sul tema dei futuri assetti del Senato. Come saranno scelti i nuovi inquilini di Palazzo Madama? In maniera contraddittoria, secondo Zagrebelsky, perché c’è contraddizione già nel testo presentato dal ministro Boschi. “I senatori -ha puntualizzato il professore citando l’articolo 2 della riforma del Senato- saranno eletti dai consigli regionali secondo le scelte degli elettori, quindi con un’ambiguità di fondo su chi farà la scelta con un voto o con una nomina”. Non così per Luciano Violante: “sulla scheda elettorale per il consiglio regionale -ha spiegato l’ex magistrato- gli elettori potranno indicare accanto alla preferenza per il consigliere anche il nome del candidato al Senato che se eletto al consiglio potrà concorre alla seconda elezione”. Il Senato -ha aggiunto Violante- non dovrà più votare la fiducia al governo, cancellando così uno dei motivi di instabilità che hanno portato ad un’alternanza di maggioranze negli ultimi vent’anni. Ma lo stesso Senato avrà una competenza generale sull’attuazione delle politiche comunitarie, motivo questo che lo autorizzerà ad intervenire sugli atti del governo con il rischio -è l’analisi di Zagrebelsky- di rallentare se non addirittura ostacolarne il lavoro.

Insomma, non ne usciamo con le idee più chiare di quando siamo entrati. Come non siamo sicuri che un “no” o un “si” al referendum preservi o deleghi l’autonomia e la sovranità degli italiani a beneficio di chi oggi dall’Europa a certi giornali finanziari chiede un cambio di marcia al nostro Paese. Di una cosa siamo sicuri, che prima o poi voteremo per questa riforma. Quando, però, ancora non si sa.

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *