16 Aprile 2024
Share

Jacopo Bianchi | VIDEO | Gli sbocchi professionali per un neolaureato in scienze motorie sono sempre più indirizzati nel campo della prevenzione sanitaria, con crescenti possibilità di inserimento negli staff tecnici dedicati al recupero funzionale di un soggetto infortunato. È quanto emerso dall’incontro Fare sport per fare prevenzione organizzato dal centro di medicina preventiva della SUISM di Torino.

Una mattinata di confronto tra docenti e laureandi dedicata a ribadire l’importanza dello sport e dell’attività fisica per prevenire l’insorgenza di molte patologie. Con il laureato in scienze motorie chiamato a un ruolo di primo piano in un quadro normativo in piena evoluzione, anche in Piemonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *