13 Aprile 2024
Dora Mercurio | Cala il sipario sulla 35° edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, l’ultima diretta dallo scrittore Nicola Lagioia
Share

Dora Mercurio

Cala il sipario sulla 35° edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, l’ultima diretta dallo scrittore Nicola Lagioia. Fra poche ore, infatti, il Lingotto chiuderà i cancelli di quella che è stata l’ennesima edizione record.

Record di stand, di appuntamenti, di metri quadri e di immancabili polemiche che per cinque giorni hanno catalizzato l’attenzione di torinesi e turisti.

Le varie allerte meteo non hanno fatto desistere i tanti visitatori che hanno affollato i corridoi dei tre padiglioni e dell’Oval, sebbene sia stata evidenziata a più voci una gestione non proprio felice degli ingressi che ha comportato code infinite sotto la pioggia.

Le code “chilometriche” hanno caratterizzato anche gli ingressi agli appuntamenti (due ore e più per assistere agli incontri di Murgia e Barbero) e la fruizione dei bagni, con buona pace per le vesciche degli espositori che hanno passato 5 giorni alla ricerca del “leggendario quanto introvabile” bagno a loro dedicato.

Sugli aspetti organizzativi, forse, c’è ancora un po’ di lavoro da fare, anche se gira e rigira sono le stesse problematiche che si ripetono tutti gli anni.

Ci sarebbe da lavorare anche e soprattutto sul fronte editoriale magari venendo incontro agli editori, che ogni anno devono pagare grosse cifre per gli spazi e che spesso con le vendite non riescono a coprire nemmeno i costi di affitto degli stand.

https://www.facebook.com/SaloneLibroTorino/

Il Salone potrebbe essere l’occasione per mettere davvero in rete i diversi aspetti dell’editoria, così da non dover obbligare editor, rappresentanti, uffici stampa o giornalisti a passare da uno stand all’altro per conoscersi e creare nuove sinergie. Magari organizzando una sorta di speed date editoriale fuori dagli orari del Salone per instaurare potenziali rapporti lavorativi oggi resi difficili dalla necessità prima degli editori che è pur sempre quella di farsi conoscere dal pubblico e vendere qualche copia in più.

Niente è perfetto, neppure il Salone. Ma nonostante le criticità e le cose in più che si potrebbero fare è innegabile che anno dopo anno siano state coinvolte sempre più persone.

Forse è vero che il Salone del Libro sia diventato sempre di più un contenitore che alla letteratura affianca politica, musica, spettacolo: ma non è colpa dei lettori se politici cantanti e attori trovano editori (ben) disposti a pubblicare i loro libri, sotto forma di biografie o fiction.

La speranza resta comunque che chi viene al Salone per sentire il proprio beniamino, alla fine si volti e trovi in qualche piccolo stand un libro che lo faccia appassionare davvero e che lo spinga a comprarne ancora e ancora.

In particolare, anno dopo anno si è strizzato sempre di più l’occhio ai giovani fino a creare un angolo in cui poter approfondire l’esperienza e i contenuti del fenomeno “BookTok”, qualcosa che trent’anni fa non era neanche ipotizzabile per una manifestazione nata in anni in cui il libro era un oggetto solo di carta e il digitale un futuro ancora tutto da scrivere e decifrare, come infondo ancora oggi è.

In questi anni Lagioia ha cercato di stare al passo con i tempi, ha portato numeri record di ospiti e visitatori e ha capito una cosa importante: non puoi far finta che certe cose non esistano (che siano i social o i fascisti), ma è possibile in qualche modo contenerle e magari trasformarle in qualcosa di positivo.

Non sapremo come sarà la prossima edizione e noi, umili lettori, non avremo pregiudizi e apriremo le braccia alla nuova direttrice. Ma senza dubbio, noi, non «faremo il rullo di tamburi quando Lagioia se ne andrà veramente dal Salone».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *