Breaking News
19 ottobre 2017 - A Valentino il Golden Plate Award
19 ottobre 2017 - Senato verso cambio del Regolamento
19 ottobre 2017 - Fabi,no a metodi criminali recupero Npl
19 ottobre 2017 - Manovra, un mln nuovi assunti in 3 anni
19 ottobre 2017 - Florida police brace for protests with speech by white nationalist
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Sileoni, non meritava questo
19 ottobre 2017 - Riciclaggio:rischio processo Fini
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Inps, -2,5% contratti stabili in 8 mesi
19 ottobre 2017 - G7 Ischia, corteo in centro Napoli
19 ottobre 2017 - L.elettorale: Zanda, gruppo Pd compatto
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile programme will accelerate despite pressure
19 ottobre 2017 - Grillo, è emergenza. Circondiamo Senato
19 ottobre 2017 - Bankitalia: Monti, non sorpreso da Renzi
19 ottobre 2017 - Maroni, trattativa prima delle politiche
19 ottobre 2017 - Spain threatens Catalonia with direct rule from Madrid
19 ottobre 2017 - Ardern to be next NZ prime minister, spelling big change for economy
19 ottobre 2017 - Cannabis, ok da Camera a uso medico
19 ottobre 2017 - P.Chigi, autonomia Bankitalia tutelata
19 ottobre 2017 - Don Pallù a Firenze, accolto da canti
19 ottobre 2017 - Iran's Guards say missile program will accelerate despite pressure: agency
19 ottobre 2017 - Pakistani anti-corruption court indicts ousted PM Sharif and daughter
19 ottobre 2017 - Spain to trigger suspension of Catalan autonomy on Saturday
19 ottobre 2017 - Abertis, offerta Atlantia migliorabile
19 ottobre 2017 - Taliban kill at least 43 Afghan troops as they storm base: officials
Quando il welfare non è per tutti

Quando il welfare non è per tutti

Share

JB | C’è un filo, neanche troppo sottile, che unisce musicisti, gestori di impianti sportivi e presidenti di associazioni. Sono categorie professionali che difficilmente possono contare sulla tutela e sulla sicurezza di un sistema di welfare, in grado di garantire assistenza sanitaria e infortunistica.

Se ne è parlato il 29 settembre scorso, durante una tavola rotonda organizzata dal Consorzio PiemonteJazz e da ANCoS Torino, in collaborazione con il Centro medico della SUISM dell’Università di Torino.

I lavori di Jazz Sport & Welfare hanno preso le mosse dalla ricerca Vita da Artista, realizzata da SLC Cgil e Fondazione di Vittorio: numeri alla mano -dicono dal sindacato- in Italia solo il 4% dei 130mila lavoratori dello spettacolo ha un contratto a tempo determinato e un lavoratore su due vive con meno di 5.000 euro all’anno. Cifre che non si distaccano troppo dal “giro d’affari” di una polisportiva o di un associazione culturale.

Realtà, queste ultime, alle prese dal 2 agosto di quest’anno con i primi decreti attuativi della legge 106/2016, meglio conosciuta come Codice del Terzo Settore. «Si è capovolto il mondo -ha detto in apertura del suo intervento il segretario di UGIS (l’Unione dei Gestori di Impianti Sportivi) Michele Amerioal punto che la parola welfare in questo ambito sembra sempre più inadeguata». Destano più d’una perplessità i nuovi obblighi cui dovranno adeguarsi le associazioni no profit, dalla rendicontazione delle spese alla tracciabilità dei registri, all’ingresso nelle strutture di nuove professionalità come commercialisti e revisori contabili.

«Il consorzio che, ad esempio, si occupa di musica e di musicisti jazz viene ora definito “rete” -spiega Amerio- e dovrà provvedere al più presto a dotarsi di un consulente che faccia un controllo sulle attività svolte negli ultimi cinque anni, per esser sicuro di poter giustificare e motivare non solo le spese sostenute, ma anche le decisioni prese durante le assemblee». Dubbi anche sul futuro delle imprese sociali, i cui benefici -per obblighi e normative a cui attenersi- rischiano di venire notevolmente ridimensionati, se non addirittura annullati, dal nuovo Codice.

Servirà tempo per capire se in un prossimo futuro sarà ancora conveniente costituire un’associazione senza fine di lucro o fare un’impresa sociale. Il Governo si è infatti riservato bel 18 mesi per pubblicare tutti i decreti attuativi della 106/2016 e per spiegare i 104 articoli.«Sempre che -ha aggiunto ancora Amerio- le elezioni della prossima primavera non cambino le priorità nell’agenda del governo che verrà».

Inserito da:

JB

Journalist and videoreporter | https://about.me/jacopobianchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *