Tutti quanti vogliono fare il jazz

Tutti quanti vogliono fare il jazz

Share

Ginevra D’Angelo

Il jazz non si è fermato, da una collaborazione con Giorgio Diaferia, direttore di Ecograffi, il Bunker ospiterà il «Saturday Jazz Fever».

Il Bunker

Il Bunker è un progetto culturale che viene alla luce nel 2012 nella Torino Nord fra il quartiere di Barriera di Milano e lo Scalo Ferroviario di Vanchiglia e propone attività culturali e sportive di diversa natura per promuovere l’utilizzo delle aree urbane in attesa di grandi  trasformazioni.

Saturday Jazz Fever

La rassegna jazz nasce da Ecograffi, web journal che si contraddistingue per il risalto dato agli eventi di cultura torinese e per la sua appendice musicale «Jazz to Jazz».

Lo scopo dei concerti è quello di favorire opportunità di lavoro per musicisti jazz piemontesi e creare una rete di collaborazione e scambio culturale tra artisti di città diverse.

Il «Saturday Jazz Fever» prenderà avvio Sabato 04 Luglio con l’inaugurazione alle 22.00 sul Palco Grande del Bunker, ospiti d’eccezione Flavio Boltro & Doctor Jazz Quartet.

L’estate quest’anno è a ritmo jazz, l’evento avrà cadenza settimanale e ci accompagnerà nei sabato più afosi dell’anno con icone della musica tra cui Patrizia Conte, rinomata vocalist che collabora da anni con Tullio De Piscopo e il Jazz Studio Orchestra.

Ma anche Alberto Marsico, organista di grande spessore, Alfredo Ponissi, musicista e compositore esperto, fondatore dell’associazione Jazz Mobile, Fabio Giachino, votato tra i 10 pianisti migliori d’Italia dal “JazzIT Awards” e molti altri.

Il jazz c’è

Il Jazz Fever si propone di lanciare un messaggio di speranza e di ritrovata forza di volontà, il jazz c’è e si vuole far sentire, vuole ripartire più forte di prima.

La rassegna si propone come primo passo alla riapertura dei locali di Torino, alla normalizzazione, ad un ritorno alla vita e alla musica come la conosciamo.

Il percorso sarà ancora lungo e le restrizioni che permangono per la nostra sicurezza sono molte, ma passo dopo passo, o in questo caso, nota dopo nota andremo avanti.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *