Sistema sanitario, il grande malato

Sistema sanitario, il grande malato

Share

Un webinar per per fare luce sulle difficoltà del sistema sanitario piemontese

Dora Mercurio

Come sta oggi la sanità piemontese? Male, se si guarda a quanto emerso nell’incontro on line del 10 marzo scorso organizzato dal Comitato Torino Sanità in Azione.

A discutere della salute del nostro sistema sanitario, professionisti del settore che più di chiunque altro, conoscono le difficoltà in cui versa soprattutto in questo periodo.

La crisi del sistema è da imputare solo al Covid- 19?

A quanto pare no. Come ha sottolineato in prima battuta il moderatore del webinar e referente Tavolo Sanità Torino in Azione, il dottor Giorgio Diaferia: «Il covid ha fatto emergere molte criticità legate ai pesanti tagli apportati alla sanità pubblica negli ultimi anni ».

A sostegno di quanto affermato da Diaferia, il Rapporto Rota sulla Sanità che ha evidenziato come i tagli alla sanità piemontese abbiamo fatto si che la risposta alla pandemia della nostra regione sia stata “parziale” e “disordinata” con ritardi nell’attuazione delle politiche sanitarie e una forte mancanza del personale sanitario.

Ma il sistema è  in crisi già da anni, una crisi che il covid ha solo portato sotto gli occhi di tutti.

Negli ultimi decenni si è assistito a una riduzione esponenziale di medici, infermieri e  personale sanitario e che di fronte alla pandemia sono stati abbandonati a loro stessi. In particolare è grave la situazione dei medici di base che si sono trovati fin dall’inizio dell’emergenza senza tutele e che ancora oggi sono di fatto tenuti  fuori dalla campagna vaccinale.

Per non parlare poi delle strutture sanitarie già da tempo inadeguate e che continuano ad essere oggetto di tagli: uno fra tutti, quello ai posti letto di cui proprio in questi giorni accusiamo la carenza.(Andrion)

La situazione è a dir poco allarmante anche alla luce di altre epidemie che in futuro potrebbero colpirci e che se non mettiamo a frutto ciò che il Covid- 19 ci sta insegnando, potrebbero dare al nostro sistema sanitario il colpo di grazia.

Da anni si chiede un potenziamento del sistema sanitario regionale, una modernizzazione che faccia ridisegnare la medicina del e sul territorio.

Sarà, questo, finalmente il momento giusto?

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *