16 Aprile 2024
Così come tante altre industrie, anche quella dell’abbigliamento ha cambiato la propria direzione adattandosi profondamente alle esigenze dettate dal cambiamento climatico
Share

Teresa Monaco

Così come tante altre industrie, anche quella dell’abbigliamento ha cambiato la propria direzione adattandosi profondamente alle esigenze dettate dal cambiamento climatico. Infatti, ad oggi, è possibile vedere come la maggior parte dei brand producono capi sostenibili e quindi a basso impatto ambientale.

Infatti, la sostenibilità è diventata parte integrante degli attributi della maggior parte dei prodotti commercializzati dalle aziende del fashion.

In questo articolo spiegheremo:

  • che cosa significa abbigliamento sostenibile;
  • quali sono le nuove frontiere;
  • perché è importante;
  • quali benefici determina scegliere questo genere di prodotti.

Che cos’è l’abbigliamento sostenibile?

Generalmente, con sustainable fashion (o eco fashion) ci si riferisce a tutti quei capi che sono stati realizzati mediante uno o più processi a basso impatto ambientale quindi riducendo le sostanze nocive emesse e le materie prime utilizzate durante le fasi produttive e distributive. Nonostante questa definizione sia corretta, non è tuttavia esaustiva in quanto non tiene in considerazione le diverse sfumature della parola “sostenibile”. Di conseguenza, è possibile aggiungere che, con abbigliamento sostenibile, ci si riferisce anche a quei vestiti fabbricati minimizzando l’impatto negativo generale sulla società garantendo, e quindi non ledendo, i diritti fondamentali a tutti i lavoratori, gli stakeholder e, in modo più ampio, alla collettività.

Nonostante siano tante le aziende che hanno deciso di promuoversi come sostenibili, sono davvero poche quelle che effettivamente possono essere definite tali.

Tra le iniziative più meritevoli in Italia, spiccano:

  • Orange Fiber: azienda siciliana che realizza tessuti partendo dalle semplici arance trasformandole in della fibra al fine di poterla utilizzare per la tessitura. Tra le collaborazioni di questa impresa si annoverano quelle con Salvatore Ferragamo, H&M ed E. Marinella. Quest’ultima, azienda storica di cravatte, è da anni focalizzata sull’innovazione e sull’attenzione alla sostenibilità;
  • Opera Campi: azienda parmense nata nel 2017 grazie a Alberto Ziveri che si occupa di realizzare collezioni di abbigliamento partendo dalla canapa. Dopo tanti anni di studi e ricerche, questa azienda ripropone in chiave moderna degli indumenti realizzati con le stesse materie prime utilizzate dai popoli antichi. 

Perché è così importante?

La prima motivazione che può rispondere a questa domanda riguarda l’ambiente. L’industria dell’abbigliamento ha un impatto notevole sul pianeta. Secondo uno studio dell’Unione Europea per il Green Deal:

  • nel 2015 sono stati utilizzati ben 79 miliardi di metri cubi di acqua;
  • per produrre una sola maglietta sono necessari 2700 litri d’acqua, circa il fabbisogno di una persona per circa 2 anni e 6 mesi;
  • si stima che ogni anno finiscono in mare circa 0,5 milioni di tonnellate di fibre sintetiche ossia il 35% delle microplastiche rilasciate nell’ambiente;
  • il 10% delle emissioni mondiali di gas a effetto serra sono realizzate dal settore dell’abbigliamento e delle calzature. In altre parole, un valore di sostanze nocive superiore a quello dei voli internazionali e dei trasporti marittimi messi insieme.

Pertanto, è possibile asserire che questo settore è responsabile in modo importante del cambiamento climatico. 

Avere uno stile di vita basato su questi aspetti che riguardano la collettività è fondamentale. Così come tante altre scelte, scegliere un brand di vestiti sostenibile è diventato tanto importante quanto la scelta del giusto fornitore dell’elettricità, del gas e così via. Il voler installare solamente pannelli solari con Enel, Eni o altre aziende, non è sufficiente per generare un impatto tangibile e che può davvero cambiare qualcosa. Dicendo ciò intendiamo dire che è necessario prendere decisioni ponderate sull’impatto ambientale sotto molteplici punti di vista. Di conseguenza, anche e soprattutto l’abbigliamento può portare a dei miglioramenti.

A tutto questo si aggiungono le dure condizioni con cui le persone sono costrette a lavorare per le diverse aziende del fashion. Scegliendo capi di abbigliamento di aziende che valorizzano i propri lavoratori e ne riconoscano i diritti, genera un impatto positivo a livello sociale, incentivando anche le aziende che non allineate a cambiare.

Quali benefici offre questa innovazione?

Avere un consumo e uno stile di vita sostenibile, genera:

  • salubrità per noi e per la collettività in quanto si riducono le sostanze nocive emesse;
  • sicurezza poiché i processi sostenibili coinvolgono processi meno rischiosi sia per le materie prime utilizzate che per le persone;
  • produttività: ridurre i costi legati all’inquinamento, migliorare l’utilizzo dei prodotti facenti parte dei processi produttivi determina un incremento in termini di valore generato.

Fonte: https://www.prontobolletta.it/news/benefici_dell_abbigliamento_sostenibile/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *