Piemonte Economico Sociale, tra ottimismo e dati reali

Piemonte Economico Sociale, tra ottimismo e dati reali

Share

Federico Cuomo | VIDEO | Questa mattina al Foyer del Toro del Teatro Regio si è tenuta la conferenza “Piemonte Economico Sociale 2014”, un incontro organizzato dall’Ires, l’Istituto di Ricerche Economiche e Sociali del Piemonte, per presentare e discutere gli andamenti economici regionali. Attualmente i piemontesi sono “meno soddisfatti ma più fiduciosi nel futuro”, il numero di coloro che pensano che la situazione personale possa migliorare nei prossimi 5 anni è cresciuto passando dal 14,4% al 18,2%.

Questo lieve ottimismo è motivato? Il rapporto presenta alcuni dati positivi che, seppur con molta cautela, fanno ben sperare per l’immediato futuro: crescita dell’occupazione dello 0,1% (sebbene quella giovanile risulti ancora in calo), aumento dell’export del 4% e crescita del PIL stimata per il 2015 attorno allo 0,9%. Gli andamenti presentano tuttavia importanti diversificazioni se si mettono a confronto le stesse città piemontesi, stupisce l’elevato tasso di dsoccupazione giovanile del capoluogo (50%) se messo a confronto con quello della vicina Cuneo (5%).

Il Presidente della Regione Sergio Chiamparino ha chiuso l’incontro ponendo al centro dell’attenzione l’importanza del saper sfruttare la carta europea, tentando di attirare fondi per far ripartire un’economia regionale che, timidamente, sta provando a riemergere dalla crisi

Inserito da:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *