Coronavirus, in Piemonte il quadro non è positivo ma c’è voglia di normalità

Coronavirus, in Piemonte il quadro non è positivo ma c’è voglia di normalità

Share

Federica Carla Crovella | Nonostante si stia ancora attendendo la convalida, da ieri in Piemonte si sono registrati 5 nuovi casi di contagio da coronavirus, che, ha detto il presidente della Regione Alberto Cirio, per ora «vanno trattati come casi positivi» e dunque con tutte le cautele del caso.

Si tratta di due persone nella provincia di Asti e tre a Novara; si sta cercando di ricostruire la cerchia dei contatti dei soggetti affetti dal virus e su tutti quelli che verranno considerati “contatti stretti” sarà effettuato il tampone nasale per scongiurare la propagazione del virus.

I casi di Novara sono riconducibili al ceppo lombardo, mentre i due di Asti alla comitiva che aveva soggiornato ad Alassio all’inizio di febbraio.

I cittadini piemontesi che stanno rientrando dalla cittadina ligure e risultano negativi al test dovranno essere monitorati in una struttura attrezzata a Villanova d’Asti.

Una situazione, quella piemontese, da tenere sotto controllo, ma comunque meno allarmante di quella di altre città, ha fatto notare ancora Cirio.

La speranza, dicono ancora da Piazza Castello, è di tornare gradualmente alla normalità: nelle prossime ore si deciderà come muoversi rispetto all’ordinanza emessa nei giorni scorsi, che sospendeva tutte le attività aperte al pubblico e imponeva uno stop anche all’attività didattica in tutta la regione.

Sempre Cirio ha precisato che a decidere non sarà né la sensazione né l’emozione del momento, ma il comitato scientifico nazionale con tutte le dovute cautele.

Anche se non è ancora una notizia certa, si ipotizza che le scuole possano riaprire lunedì per la pulizia straordinaria e la disinfezione e che le lezioni possano ripartire a metà della prossima settimana.

Per gli aggiornamenti è possibile consultare Piemonte Informa all’indirizzo www.regione.piemonte.it/web/pinforma/notizie/coronavirus-gli-aggiornamenti-dalla-regione-piemonte

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *