Un anno di EcoGraffi

Un anno di EcoGraffi

Share

Al giro di boa del nuovo anno vogliamo ripercorrere gli eventi più significativi e importanti del 2016. Dodici mesi di articoli, interviste e approfondimenti che abbiamo condiviso con i nostri lettori. È il nostro modo per dare a tutti voi appuntamento al 2017.

Buona lettura e buon anno

 

GENNAIO | ZIKA VIRUS, LA PAURA DEL CONTAGIO 

zikaNelle prime settimane dell’anno cresce in molti paesi al Mondo la paura della diffusione dello Zika Virus, trasmesso con la puntura della zanzara del genere Aedes. In Brasile, prossimo ad ospitare le Olimpiadi estive, si teme che il rischio contagio possa spingere le Federazioni sportive a rinunciare ai Giochi. Il virus raggiungerà velocemente anche gli Stati Uniti e il Canada. È allarme da parte dell’OMS. Leggi l’approfondimento

FEBBRAIO | QUESTO CALDO INVERNO

caldo-afa-cambiamento-climatico-estate-sole-termometro-by-fotolia-750L’inverno 2015-2016 è stata una stagione anomala. Il dominio pressoché incontrastato dell’anticiclone su tutta l’Italia ha avuto come conseguenza un clima stabile e mite, con un -91% di precipitazioni rispetto alle consuete medie del periodo. Il mese di gennaio ha fatto registrare una crescita della temperatura di 1,2°. Ne abbiamo parlato con Claudio Cassardo, esperto di cambiamenti climatici e docente di fisica del clima all’Università di Torino. Leggi l’intervista

MARZO | LA CASCINA DEL QUARTIERE

56a9aed026dd4551af95bbe7bcb0096f-1La nostra inchiesta alla scoperta delle Case di Quartiere di Torino parte da Cascina Roccafranca, punto di riferimento per Mirafiori Nord. La struttura, nata grazie ai fondi del progetto europeo Urban Due, con gli anni ha assunto un’essenziale funzione sociale, ospitando eventi e istituendo sportelli per l’ascolto. Una vera e propria rinascita culturale per uno dei quartieri operai della città. Guarda la video intervista a Renato Bergamin

APRILE | CHERNOBYL TRENT’ANNI DOPO

Chernobyl-bnSono passati trent’anni dall’incidente nucleare di Chernobyl. Lungo in confine tra Bielorussia e Ucraina un’area vasta quanto il Lussemburgo è diventata un nuovo ecosistema dove l’uomo non mette mai piede. Nella parte bielorussa i villaggi abbandonati nel 1986 sono territorio di caccia per alcune specie di predatori. Gufi e gazze nidificano sui tetti e nei camini delle case. Mandrie di bisonti e alci pascolano nelle pianure. Immagini e notizie sullo stato di salute del territorio e sulle condizioni di vita dei sopravvissuti nell’approfondimento di Focus

MAGGIO | LA CITTÀ’ DELLO SPORT

Riccardo_D'ElicioIl CUS alza l’asticella e punta a fare di Torino una moderna città universitaria dello sport, sul modello delle più importanti capitali europee. Primo passo, ammodernare gli impianti per offrire servizi adeguati al crescente numero di studenti che ogni anno arrivano sotto la Mole. Un progetto da tre milioni e mezzo di euro, ormai pronto a partire. «È la svolta per rendere finalmente efficienti impianti in quasi costante overbooking», spiega il presidente del Cus Torino Riccardo D’Elicio. Leggi l’articolo completo e guarda il video

GIUGNO | OLTRE LE FRONTIERE

13226688_1722700561320850_8429767666637408681_nTremilacinquecento chilometri per arrivare al cuore dei Balcani e raggiungere Eidomeni, un punto lungo la frontiera tra Grecia e Macedonia. Un luogo di passaggio diventato la scorsa estate nodo della rotta terrestre dei migranti in fuga dal Medio Oriente delle guerre e delle persecuzioni. A mettersi in viaggio sono stati quattro ragazzi di Torino che con il loro Pulmino Verde si sono uniti ai volontari che da tutta Europa hanno portato aiuti al campo profughi. Leggi il resoconto del viaggio

LUGLIO | TORI A PAMPLONA

downloadA Pamplona durante i festeggiamenti di San Firmines l’appuntamento più atteso e discusso è l’encierro. Ottocento metri di corsa a perdifiato lungo le vie del centro con sei tori e otto buoi lanciati all’inseguimento dei corridori. La crescente partecipazione di pubblico riaccende la scintilla di una polemica infinita legata al  rispetto degli animali. Gli attivisti di Peta si sono dati appuntamento per un flash-mob di protesta: uomini e donne nudi e con un copricapo a forma di corna, si sono cosparsi di sangue finto. Per saperne di più

AGOSTO | IL CASO ENVIPARK

EnviPark-800x500_cEnviPark è uno dei poli di ricerca più interessanti in Italia nel campo della sostenibilità ambientale e dell’eco-efficienza. Si trova al centro del miglio dell’innovazione, l’asse creato dal nuovo passante ferroviario della città di Torino, che in appena due chilometri concentra ben sette realtà attive nella ricerca hi-tech. Sotto la Mole sta nascendo una silicon valley subalpina? Ne abbiamo parlato con Davide Canavesio, a.d. di EnviPark. Guarda lo speciale

SETTEMBRE | #FESTAMBIENTE

gallettiDalla Cop21 al caso Muraro, il ministro Gian Luca Galletti interviene all’appuntamento torinese di Festambiente. «In questi due anni e mezzo in campo ambientale -ha detto il ministro- abbiamo fatto riforme importanti, quella sugli ecoreati, sui controlli, sulle agenzie e sull’economia circolare. Approveremo la ratifica del protocollo di Parigi e la riforma dei Parchi Nazionali». La nostra intervista al ministro

OTTOBRE | LA 24 ORE DI CLIMATHON

climathon-png2Edizione 2016 di Climathon, la maratona dedicata alle soluzioni sostenibili in ambito di economia circolare. Un’occasione per le start-up del settore ambiente per integrare idee e competenze eterogenee. I partecipanti hanno presentato nuove proposte di policy al Comune di Torino, nuovi piani d’azione per una gestione circolare dei rifiuti e prodotti innovativi da applicare all’economia locale. Guarda il video

NOVEMBRE | FORREST GUMP, SCOMMESSA VINCENTE

fb_img_1479384460096Creare un ambiente di lavoro dove le disabilità non sono un ostacolo e dove ciascuno può sentirsi parte di qualcosa di utile. È la ragione che ha dato vita alla ForrestGump VdA Onlus, associazione valdostana di promozione sociale nata poco più di un anno fa. Obiettivo del progetto, lavorare la terra in maniera tradizionale e garantire mutuo aiuto a coloro che hanno diverse abilità, dando dignità attraverso il lavoro. Leggi l’articolo completo

DICEMBRE | MISSIONE MYANMAR

j-dsf2177Nuovo progetto per MedAcross, l’ONG torinese che da cinque anni promuove interventi socio-sanitari nei paesi del Terzo mondo. Dopo aver aperto un ospedale nel Somaliland nel 2011, MedAcross è oggi impegnata in Myanmar, uno dei Paesi più poveri della penisola indocinese. Qui si sta diffondendo l’HIV e le cure mediche sono riservate ai pochi in grado di pagare strutture private. Il nostro speciale di approfondimento

Inserito da:

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *