Roger Hallam Altrimenti siamo fottuti! Manifesto di disobbedienza civile per salvare il pianeta

Roger Hallam Altrimenti siamo fottuti! Manifesto di disobbedienza civile per salvare il pianeta

Share

Io c’ero, negli ultimi 20 anni.
Abbiamo protestato in centinaia di migliaia, attivisti climatici: non ha
funzionato.
Abbiamo raccolto milioni per far sì che il nostro messaggio raggiungesse la
gente comune e i politici: non ha funzionato.
Abbiamo firmato un numero infinito di petizioni online: non ha funzionato.
Ci siamo rivolti alle Nazioni Unite per tentare una soluzione a questa crisi
e sostenere le energie rinnovabili: non ha funzionato.
Non c’è più tempo da perdere. Dal 1990 le emissioni di CO2 sono
aumentate del 60% e continuano a crescere. Nel giro di una generazione
tutto ciò che amiamo andrà perduto. Bisogna muoversi subito, con
l’obiettivo di spingere i governi a dichiarare l’emergenza climatica e
portare le emissioni a zero entro il 2025.
Ma abbiamo bisogno di un nuovo approccio se vogliamo sperare di salvare
il pianeta: dobbiamo scatenare una ribellione.
Questo libro non si propone come l’ennesima analisi del problema ma è la
proposta concreta di un piano d’azione in tre mosse:
1) La conoscenza dei fatti: “Dobbiamo rispondere ai media che ancora
diffondono scetticismo sul riscaldamento globale, contro ogni evidenza
scientifica”;
2) La disobbedienza civile: “Basta proteste e petizioni, dobbiamo farci
arrestare in migliaia”;
3) L’universalismo: “Dobbiamo coinvolgere il maggior numero possibile di
persone nella nostra battaglia”.
Stavolta la ribellione non nasce da un’ideologia. È la scienza a chiederci di
reagire

Roger Hallam, classe 1966, è un attivista ambientale inglese, co-fondatore di Extinction Rebellion,un movimento internazionale di disobbedienza civile che sta crescendo in maniera esponenziale (qui il sito italiano). Il movimento, nato a Bristol nel 2018, ha ricevuto il sostegno di numerosissime personalità del mondo dello spettacolo e non solo, da Jude Law a Greta Thunberg, da Micheal Stipe a Emma Thompson (molti di loro hanno recentemente manifestato il loro appoggio con una lettera
aperta indirizzata ai media britannici), e ha raggiunto in breve tempo i 650mila follower su Instagram.
Roger Hallam ha partecipato a manifestazioni in tutto il mondo, sostenendo le ragioni della sua organizzazione non violenta per la giustizia ambientale: la vera battaglia del nuovo millennio.

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *