Ad Antropos si parla di Acido Ialuronico in Ortofisiatria

Ad Antropos si parla di Acido Ialuronico in Ortofisiatria

Share

In compagnia dei professori Piero Sestili Preside della Facoltà di Scienze Motorie ed Ordinario di Farmacologia all’Università di Urbino ed il prof. Italo Capparucci Specialista in Ortopedia e Docente di Medicina dello Sport Dipartimento di Scienze Biomeccaniche UniUrb, ad Antropos nel corso di questa puntata si è affrontato il tema dell’Acido Ialuronico, indicazioni e molecola.

Chi pratica sport intensi conosce sicuramente i risultati che si possono ottenere con le iniezioni di acido ialuronico. Nel trattamento delle lesioni articolari degli sportivi, permette una ripresa molto più rapida, una maggior risposta alle terapie riabilitative e una riduzione del dolore.

L’acido ialuronico è un polisaccaride, prodotto dai sinoviociti di tipo B (le cellule della sinovia), ed è un componente importante del liquido sinoviale, dove contribuisce a lubrificare l’articolazione e ad attutire gli stress meccanici. Protegge la cartilagine dalla penetrazione di cellule infiammatorie e dagli enzimi litici che la degradano. L’acido ialuronico è fisiologicamente presente nel nostro corpo, con la funzione di idratare e proteggere i tessuti. Rappresenta uno dei fondamentali componenti del tessuto connettivo, della matrice cartilaginea e del liquido sinoviale

Nei pazienti affetti da artrosi è possibile osservare – tra l’altro – anche una diminuzione delle proprietà viscoelastiche del liquido sinoviale, associata ad una riduzione della sintesi e del peso molecolare dell’acido ialuronico intra-articolare. Trova importanti applicazioni in campo medico sportivo, Fisiatrico ed Ortopedico intraarticolare e Reumatologico poiché riduce la sofferenza articolare e tendinea, permettendo nel contempo un miglior controllo del dolore ed una sinergia con il lavoro del Fisioterapista. La sua somministrazione può avvenire per via articolare o tendinea, meglio, come nel caso dell’articolazione dell’anca se sotto ecoguida.

Le infiltrazioni di acido ialuronico sono dunque un trattamento molto semplice, indolore e ben tollerato Per quanto riguarda l’ortopedia rigenerativa, è stato visto che non tutti i tipi di acido ialuronico sono ugualmente efficaci, ma solo quelli con il peso molecolare corretto, che deve presentare affinità con i recettori dell’acido ialuronico che si trovano sul condrocita che sono le cellule deputate alla formazione del tessuto cartilagineo

Inserito da:

Giorgio Diaferia

Medico specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione,è direttore Sanitario del Centro di Medicina Preventiva e dello Sport del SUISM-Università di Torino. E' docente a contratto in Medicina dello Sport Università di Torino. Dirige lo Stabilimento di Cure Fisiche del CMP e dello Sport del SUISM-UniTo E' medico di medicina generale e giornalista pubblicista.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati con *